mercoledì 3 dicembre 2014

"ABBIAMO DECISO DI RIMANERE INCINTI": COME NARRARE LA GRAVIDANZA IN MODO ORIGINALE

40 Settimane è una delle ultime uscite di Settenove, la casa editrice nata per prevenire la discriminazione e la violenza di genere, ben nota e amata su Vita da streghe (non fosse altro perché è anche la casa editrice di "Mi piace Spiderman...e allora?" ;).
40 settimane è un libro che parla di gravidanza ma lo fa, come è nella filosofia di Settenove, in modo "differente".
A cominciare dalla scelta del linguaggio. Il libro è infatti una graphic novel, la prima edita da Settenove, di Glòria Vives Xiol, che ne ha curato testi e disegni.

La cosa che mi ha più colpito di questo fumetto è compresa già nell'incipit.
Io e Guille abbiamo deciso di rimanere incinti scrive l'autrice. Sì perché questa gravidanza non è solo descritta narrando i cambiamenti fisici ed emotivi della futura mamma ma anche i comportamenti e gli stati d'animo del futuro papà. 
Guille, il compagno della protagonista, ha uno spazio molto rilevante ed è presente fin da subito non come personaggio secondario ma direi più come co-protagonista. (Guille e la pancia iniziano a comunicare tra loro senza alcuna mediazione da parte mia).

40 settimane diventa così "uno sguardo a due" sulla gravidanza, libero da  pregiudizi. Il registro è decisamente ironico e divertente ma nello stesso tempo realistico, scevro di parole affettate e di ipocrisia.
In 40 settimane si va dallo sconforto di un aborto spontaneo all'ilarità della prima ecografia (Non capiamo assolutamente nulla della eco ma ci piace tantissimo) alla commozione della nascita passando attraverso la comicità con cui viene narrato il rapporto con gli altri e il proprio corpo (Mi sconvolgono le migliaia di mani che toccano la mia pancia durante il giorno). Il tutto è un'altalena di sentimenti che ben rispecchiano le tante sfaccettature emotive di un'esperienza tanto importante quanto complessa.

40 settimane, insomma, è un libro davvero carino. Se volete saperne di più vi rimando alla scheda presente sul sito (tutto nuovo) di Settenove. 

Nessun commento:

Posta un commento