venerdì 1 agosto 2014

CROMATISMI, LINGUAGGI E DIFFERENZE

Un po' di segnalazioni:

Educare alle differenze. Il 20-21 settembre a Roma si terrà la Giornata nazionale per l’educazione alle differenze nella scuola da un'idea nata da tre associazioni: Scosse, Il Progetto Alice e Stonewall. L'incontro vuole essere "un appuntamento per stabilire sinergie e connessioni tra chi realizza progetti dedicati alla valorizzazione delle differenze, alla pluralità dei modelli familiari, al contrasto agli stereotipi di genere, alla prevenzione di bullismo, omofobia, transfobia e violenza maschile contro le donne, tra chi intende la scuola come spazio in cui coltivare rispetto e senso critico".

In vista di questa giornata il blog Un altro genere di comunicazione, che parteciperà all'evento, ha iniziato a pubblicare una serie di contributi in merito all'educazione di genere intervistando alcune delle realtà che lo stesso blog incontrerà il 20 settembre. Il primo di questi contributi è già on line e ha per protagonista l'associazione culturare ACT, agire col teatro.

E' in uscita per Settenove - la casa editrice che ha pubblicato il mio libro Mi piace Spiderman...e allora? dedita alla prevenzione della violenza di genere - un nuovo titolo: Parole Tossiche. Cronache di ordinario sessismo di Graziella Priulla. Non appena sarà disponibile, sarà sicuramente uno dei miei prossimi acquisti!

Il mondo dei bambini e delle bambine rigidamente diviso fra rosa e blu. Una divisione cromatica che rispecchia anche una divisione di sostanza (e direi anche di educazione), ben visibile nel progetto della fotografa JeongMee Yoon, di cui ho avuto notizia grazie al servizio di Repubblica.it.

I need feminism/I don't need feminism. Segnalo infine, sulla vicenda #womenagainstfeminism di cui si è parlato parecchio nei giorni scorsi sul web, un interessante contributo di Lea Melandri pubblicato su La 27a Ora (Corriere.it) dal titolo "Discutiamo sì, ma niente “conflitti generazionali”.

1 commento:

  1. Attenzione: molti siti e blogger, anche femministe, stannno pubblicizando in questi giorni "l'educazione alle differenze": invece si deve educare all'UGUAGLIANZA!! bambini/e NON sanno cosa sono le differenze/diversità/sessismo/razzismo, gliele insegnano gli adulti!! Le violenze sulle donne si eliminano con la PREVENZIONE!!

    RispondiElimina