martedì 29 aprile 2014

CONVENZIONE ISTANBUL E ALTRE SEGNALAZIONI

Alcune segnalazioni dell'ultimo periodo.

Violenza donne. La Convenzione Istanbul entrerà in vigore da agosto. Lo ha dichiarato la Presidente della Camera Laura Boldrini (Fonte: Asca). Qui un po' di informazioni sulla Convenzione.

La petizione lanciata da Camilla Bliss per la chiusura del programma condotto da Belen "Come mi vorrei" ha raggiunto le 38mila firme. "Ho visto una puntata di "Come mi vorrei" - esordisce Camilla Bliss nel testo della petizione - e credo che il programma potrebbe chiamarsi piuttosto "Come mi vorreste voi". Non ho mai visto un programma tanto maschilista e pieno di stereotipi". 
Il caso ha fatto discutere: giusto o non giusto cancellare il programma? Ne hanno scritto, con argomentazioni differenti, Lorella Zanardo ed Eretika sul sito de Il Fatto Quotidiano.

Non avevo ancora segnalato sul blog la campagna per l'educazione sentimentale nelle scuole #1oradamore. "Quello che proponiamo - si legge nel testo della petizione su Change - è un diritto scritto nella Convenzione di Istanbul, ratificata all'unanimità in Parlamento, che chiede agli Stati di introdurre l'educazione all'affettività negli ordinamenti scolastici. In Europa è una realtà, in Italia siamo ancora in ritardo." 
Da vedere il video della campagna che mostra come una corretta informazione ed educazione sessuale siano davvero utili e importanti per i ragazzi.

Segnalo il bell'articolo di Alessandra Ghimenti, dal titolo «I maschi sono maneschi, ma pure io lo sono»: gli stereotipi visti dai bambini, pubblicato su La 27a Ora in merito al suo documentario sugli stereotipi di genere fra i bambini delle elementari "Ma il Cielo è Sempre più Blu". Un pezzo che vi invito a leggere. "Gli spunti di riflessione sono numerosi - scrive Alessandra nell'articolo - In prevalenza le bambine scelgono, per il loro futuro, lavori legati all’assistenza, alla cura, o all’aspetto estetico. I bambini si orientano più su professioni di esplorazione, di azione, e di protezione". 

Sempre su La 27a Ora è uscito nei giorni scorsi un bel post che parla di "Mi piace Spiderman...e allora?" di Cristina Obber, del quale riporto un passaggio a mio avviso molto significativo: "La consapevolezza del proprio valore si acquisisce sin da piccole/i, dando respiro alla propria indole, alle proprie passioni, al proprio talento. Crescendo rispondendo ai propri desideri, non imparando a rinunciarvi. Se la rinuncia diviene un’abitudine e si scambia con un’attitudine, sarà difficile essere felici, anche da grandi." 
Il libro è stato citato recentemente anche in un dettagliato articolo di Stefania Prandi sul Fattoquotidiano.it dal titolo "Contro gli stereotipi di genere, libri per educare i bambini. “Sovvertire i ruoli”.

Nessun commento:

Posta un commento