mercoledì 5 febbraio 2014

OLIMPIADI: LA CAMPAGNA #SIGNOFLOVE PER I DIRITTI LGBTQ IN RUSSIA

Lush ha lanciato una bellissima campagna a cui sono molto felice di collaborare.
Dopo quella realizzata nel 2012 a favore del diritto al matrimonio per coppie dello stesso sesso, il brand noto per le sue campagne animaliste ed ecologiste, ha lanciato a livello internazionale un'iniziativa per i diritti LGBTQ in Russia.
L'occasione per comunicarla sono le olimpiadi invernali 2014, che quest'anno si terranno proprio a Sochi, in Russia.

"Nel giugno 2013, il presidente Vladimir Putin ha firmato una legge che vieta “la propaganda verso i minori delle relazioni sessuali non tradizionali” - si legge sul sito di Lush - Non esiste definizione legale della parola “propaganda” e l’ambiguità contenuta in questo termine serve soltanto a fomentare ancora di più un clima sociale angosciante, dove le persone che sono d’accordo con Putin si fanno forte di questa legge per perpetrare aggressioni, violenze e crimini contro le persone LGBT (...). Si tratta di una violazione dei diritti umani fondamentali, e le persone colpevoli di “propaganda” omosessuale sono passibili di multe, reclusione e finanche deportazione".

In ogni Paese dove è presente, Lush sta realizzando un libro di petizione dove verranno raccolte le foto delle persone segnate con il #SignofLove (il triangolo rosa ormai diventato simbolo dei diritti LGBT) e il 14 febbraio – a San Valentino - consegnerà questo libro nell’ambasciata russa di ogni paese.
Chiunque può partecipare postando una foto con il triangolo disegnato con un rossetto rosa e condividerla aggiungendo #SignofLove sulla pagina Facebook di Lush Italia, Twitter e Instagram. Oppure può recarsi in una bottega Lush sabato 8 febbraio e farsi fotografare lì.

Nei negozi di Roma (Via Del Corso 21), Milano (Via Dante 15) e Bologna (Via M. D'Azeglio, 4F) l'evento #signoflove sarà anche occasione per presentare il libro di racconti contro l'omotransfobia "Bye Bye Bulli" (a cui ho partecipato anch'io)  le cui vendite finanzieranno l'omonimo progetto educativo che mira a sensibilizzare sulle tematiche legate all'identità e all'orientamento sessuale, con l'obiettivo di combattere il pregiudizio, la discriminazione, il bullismo e l'omofobia, in particolare nelle scuole. Le persone che sabato si recheranno in questi negozi potranno guardare i bellissimi disegni di Salvatore Calò, illustratore della raccolta, e leggere alcune frasi tratte dai racconti.

Nessun commento:

Posta un commento