giovedì 4 aprile 2013

I CARTONI SENZA FILTRO NO E LA MAMMIFERA SI?

Lorella Zanardo oggi pubblica sul suo blog una bellissima analisi con tanto di video di uno spezzone di Avanti un Altro!, il programma di Bonolis andato in onda nel preserale di canale 5.
Lo spezzone ci descrive l'imbarazzante ingresso con un ancora più imbarazzante trattamento della ragazza "mammifera" rappresentata come donna oggetto nel classico stereotipo della bella e oca ("non stiamo dicendo che la ragazza sia effettivamente scema ma che viene mostrata COME SE fosse scema" precisa giustamente il post de Il corpo delle donne).

L'analisi è tanto più impietosa se confrontata con le parole di Bonolis riportate da TVblog - a quanto pare rilasciate in un'intervista a Repubblica - il cui link è presente alla fine del post di Lorella Zanardo, grazie alla segnalazione di Enzo Corsetti:

"Ci sono 10, 15 canali di cartoni… Questo mondo cartonato per me non fa bene. I bambini vengono abbandonati in un universo di fantasia, senza un filtro per leggere la realtà. A Bim Bum Bam il rapporto con loro era quello di un fratello maggiore, in più c’era il pupazzo Uan. Avevo il mio modo di pormi, anche ironico, ma li portavo per mano. Serve una presenza"

Bonolis avrà anche tutte le ragioni del mondo, ma cerchiamo di capirci. Per i bambini, il mondo cartonato senza filtro in tv no e la mammifera si? Da quale pulpito una critica sulla funzione educativa della tv nei confronti dei più piccoli? E gli stereotipi di genere e l'oggettivazione umana (perché non ditemi che il preserale non capita che lo guardino anche bambini e bambine, con o senza filtro) cosa sarebbero, una tv edificante?

Sono passati ormai alcuni anni dal documentario "Il corpo delle donne" e molta strada è stata percorsa nel dibattito sul tema della rappresentazione delle donne sui media. Ci sono state numerose iniziative, si è creato un movimento e anche il mondo della pubblicità ha preso posizioni forti.
Di tutto questo sembra che la tv, o quantomeno una sua larga parte, non se ne sia neppure accorta.

2 commenti:

  1. La scempiaggine al potere è una scelta di politica culturale da tempo, e il problema è che la denuncia degli ultimi anni sembra non averla scalfita.

    RispondiElimina
  2. Per carità, inguardabile!
    Vi piace invece questo programma?
    http://www.neripoppins.rai.it/dl/portali/site/puntata/ContentItem-5bbb73ce-75bf-4903-aa95-83fc93252df1.html

    RispondiElimina