martedì 5 marzo 2013

DALLA PARTE DELLE BAMBINE: TAVOLA ROTONDA A MILANO IL 7 MARZO

Copincollo di seguito il programma di una tavola rotonda che si terrà giovedì a Milano nell'ambito di "Sguardi altrove film festival", a cui  anch'io prenderò parte:


Dalla parte delle bambine
Il corpo offeso e l’influenza dei media nel percorso di crescita delle bambine e delle ragazze.

Tavola rotonda 7 Marzo 2013,  ore 15 – 17:30 , progetto “L’Europa per le Donne”
presso la Sala Conferenze dell’Ufficio Informazione del Parlamento Europeo
Corso Magenta 59, Milano

Iscrizione richiesta a: info.dallapartedellebambine@gmail.com
L’associazione culturale Sguardi Altrove da anni promuove l’attenzione al cinema di qualità delle donne di tutto il mondo, mantenendo aperto il dialogo con il mondo maschile, attraverso il lavoro di registe e registi.
La sua Direzione Artistica propone, quest’anno, un ampliamento delle proprie riflessioni, attraverso la partecipazione al Progetto “L’Europa è per le donne”, coordinando una tavola rotonda che toccherà alcuni punti importanti nella crescita delle ragazze del terzo millennio. La formazione alla propria identità è cosa che si costruisce, infatti, fin dalla prima infanzia, e questo mondo mediatizzato molto spesso offende le donne, costruendo di loro un’immagine fasulla, oggettivandole, svolgendo un pessimo servizio a bambine e ragazze in fase di crescita e formazione, anche radicando nei loro compagni maschi delle visioni distorte.
Le ragazze, nate e cresciute in questo scenario, non hanno nemmeno la consapevolezza della pressione cui sono sottoposte, perché ci vivono immerse fin dalla nascita, né i loro compagni maschi sono invitati ad una riflessione, non solo perché in Italia nelle scuole non esistono materie inserite nel curriculum che consentano di affrontare certi argomenti, come in altri paesi europei, (educazione sessuale, educazione sentimentale o ai diritti), ma perché raramente gli insegnanti hanno la possibilità di dedicarsi a questi temi.

Coordinamento: Eva Schwarzwald e Patrizia Rappazzo
Contatti: info.dallapartedellebambine@gmail.com

Programma

La cultura della parità, di cui si parla tanto, è veramente oggetto di riflessione e di azioni coordinate da parte delle agenzie incaricate di sviluppare educazione e rispetto? Cosa passa attraverso la pubblicità in Italia? Esistono prodotti editoriali ed audiovisuali che concorrano a migliorare l’immagine delle donne e delle ragazze nella società?

Eva Schwarzwald, esperta di progetti educativi per infanzia e gioventu’, connessi alle immagini di qualità, introdurrà l’incontro con Patrizia Rappazzo, direttrice del festival cinematografico Sguardi Altrove.
Il corpo delle donne e delle ragazze d’oggi, cosa è cambiato nell’immaginario collettivo?
 -Alessandra Ghimenti, videomaker e documentarista presenterà la sua videoinchiesta, condotta in varie scuole primarie d'Italia, per fotografare la percezione e la permanenza degli stereotipi nelle scuole
Giorgia Vezzoli, blogger e consulente di comunicazione, partendo da alcune sollecitazioni visive (Valeria Lukyanova, il corpo della Barbie e Venus Angelic, bambola vivente) parlerà degli stereotipi di genere nella comunicazione, illustrando alcune fra le iniziative italiane più significative volte al loro contrasto.
Carthusia una casa editrice “dalla parte delle bambine”.
Patrizia Zerbi, editore , racconta le linee guida del progetto che, in 25 anni di storia, hanno dato vita a un catalogo “dalla parte delle bambine”.
“In – difesa” delle bambine: se conosci puoi...
Federica Giannotta, della Fondazione Terre des Hommes Italia Onlus,  parlerà di IO SONO QUI, uno strumento per aiutare le bambine a prendere coscienza del sé, della propria dimensione di persona da rispettare e proteggere.
Il Cinema può aiutare le nostre bambine ? Coordina Patrizia Rappazzo
Proiezione di
Sexi inc, Sophie Bissonette, National Film Board of Canada, 2007, documentario, 35’. Le ragazze sono spinte dal mondo mediatico verso l’ipersessualizzazione dei  comportamenti. Ma ne sono consapevoli?

ingresso libero, suggerita la prenotazione a: info.dallapartedellebambine@gmail.com

Nessun commento:

Posta un commento