martedì 11 settembre 2012

#NONSOLOMISS

Vignetta by Anarkikka
Sogno una RAI senza il chiacchiericcio spicciolo delle conversazioni da bar spacciate per approfondimenti.
Sogno una RAI senza grechine mute e più o meno svestite di contorno a quiz e programmi di intrattenimento.
Sogno una RAI senza le prime serate e gli innumerevoli speciali su Miss Italia, castigata a fingere una morigeratezza che nessuno ha mai voluto.
Sogno una RAI che valorizzi il talento e trasmetta l'arte e non la sua versione circense spogliata di poesia.
Sogno una RAI dove le donne non siano solo vittime, bambole o contorni estetici.
Chiedo troppo?
No, chiedo solo ciò che credo dovrebbe essere un servizio pubblico televisivo.

Detto questo, oggi voglio dare solo buone notizie.

Innanzitutto, per restare in tema, posto il servizio del TGR sul flashmob di domenica fuori dalla RAI di Milano. Non so quanti l'abbiano visto, ma se lo facciamo girare arriverà a più persone possibili.
Vi ricordo che se volete sostenere questa iniziativa, potete usare e diffondere l'hashtag #nonsolomiss.


Da Giulia la notizia di un asilo a Parigi contro le diseguaglianze sessuali dove bambini e bambine crescono senza stereotipi di genere per diventare adulti liberi dai pregiudizi e meno violenti.

Il 26 settembre, infine, esce il nuovo libro di Lorella Zanardo: "Senza chiedere il permesso" dedicato ai ragazzi e alle ragazze. La foto del post in cui Lorella lo annuncia dice tutto sulla probabile portata di questo lavoro. Non vediamo l'ora!

4 commenti:

  1. Forse qualcosa di buono si trova su Rai3 e su La7, come "Cristina Parodi Live" e "Se stasera sono qui".
    http://spettacoli.tiscali.it/articoli/televisione/12/09/11/miss_italia.html

    RispondiElimina
  2. ma chi dice che la maggior parte degli italiani(e) sia contro miss italia?

    RispondiElimina
  3. Personalmente, apprezzo la bellezza in quanto tale, sia maschile che femminile. Ammettiamo pure che i concorsi siano un possibile trampolino per lavorare nello spettacolo. Ma la logica intrinseca di "Miss Italia" mi sfugge. In altre parole: a cosa servirebbe un programma di questo tipo?

    RispondiElimina
  4. Grazie Giorgia, come sempre la sintesi e il rilancio delle iniziative messe in atto dalle altre donne: questo è il femminismo :)

    RispondiElimina