lunedì 24 settembre 2012

LA CARTELLA DI SPIDERMAN E' BELLA PER TUTTI E PER TUTTE

Vi ricordate la vicenda di mia figlia e della sua cartella di Spiderman?
Ebbene, la storia continua e i commenti al suo zaino, secondo i quali sarebbe da maschi e dunque inadeguato per lei, naturalmente non sono cessati. Magari è successo solo un'altra volta, per carità, fatto sta che anche mia figlia ha rischiato di convincersi che in fondo questa cartella non fosse poi più tanto bella.
Oggi quindi voglio dedicare un nuovo post a questa vicenda, per fare girare la foto del suo zaino ma anche per far capire a lei e a tutte le bambine che molte persone non pensano affatto sia roba da maschi.
Perché lo zaino di Spiderman è bello.
E lo è per tutti e per tutte.

Voglio inoltre ringraziare tutte le persone che su Facebook hanno messo e stanno ancora mettendo "mi piace" alla foto dello zaino che ho postato, e che stanno scrivendo un sacco di bellissimi commenti per mia figlia.
Mi ha ricordato un video dei Blind Melon "No Rain" dove una bambina vestita da ape, ridicolizzata perché buffa e "diversa", al termine di tante peripezie, trova altre persone vestite da ape che ballano e cantano e che la fanno sentire importante proprio per come è.
Eccolo:

15 commenti:

  1. Spero non ci si mettano anche le maestre. Lo spero proprio.
    Mary

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io penso di no, non le conosco ma mi sembrano in gamba.
      In ogni caso secondo me hai ragione Mary, siamo tornati indietro anziché progredire come sarebbe stato lecito aspettarsi dopo diversi anni.

      Elimina
  2. a me pare evidente che lo zaino di Spiderman può essere portato da maschi come da femmine

    RispondiElimina
  3. Guarda invece questo video:
    http://www.youtube.com/watch?v=Vis9Kb_3k-4

    Perché non fai come Lorella: vai nella classe di tua figlia e parli delle tematiche di genere? Lo spunto può essere proprio lo zaino di tua figlia. Ovviamente non deve sembrare un rimprovero.
    Sembra ieri quando leggevo che avevi una figlia di tre anni, eh!eh!

    RispondiElimina
  4. Da parte di Amedeo per Giorgia's daughter:
    "Quando un gruppetto ti vuole imporre qualcosa, quando tenta di convincerti che stai facendo qualcosa di ridicolo mentre tu sei veramente convinta di fare una cosa innocua e bella e divertente, continua a farla." :-)

    RispondiElimina
  5. E' un serissimo problema quello lanciato dalla questione zaino. E come mamma di due bimbe, lo sento ancora di più. Ieri mia figlia mi ha detto con aria colpevole: "Ieri ho visto Spiderman dalla nonna...". E' nel frangente "Sono una principessa". Ha quasi 5 anni ...Perché c'è anche il rischio opposto, quello di volerle imporle modelli che sono solo miei. La vera sfida è mostrarle che può essere TUTTO ciò che vuole. Ed è una sfida che accetto più che volentieri. Alle mamme che, come me, cercano di mostrare alle proprie bimbe che i colori sono belli tutti, e che il rosa non dev'essere per forza il "colore delle femmine", suggerisco di leggere "Dalla Parte delle Bambine" e "Ancora dalla parte delle Bambine". E' un discorso ripreso dopo decenni ma, straordinariamente, attuale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Leggere e rileggere, e spiegarsi il back-lash: le forze che lo ispirano e lo alimentano, il grande ritorno a casa, o il grande ritorno al proprio posto, sono molto più forti di noi, perché sono il risultato di una convergenza di interessi, ma non dobbiamo perderci d'animo per questo. Vedete anche "Bambole viventi" di Natasha Walter!

      Elimina
    2. Che bel commento! Grazie! :-)

      Elimina
  6. si può voler essere principesse e andare pazze per spiderman oppure no. ci sono tante combinazioni, si può amare il rosa o no, L'importante è dare ai bambini tutte le opzioni e fidarsi dei loro gusti, che siano simili ai nostri o no, che siano "maggioritari" rispetto al genere o no

    RispondiElimina
  7. Com'è difficile per i giovani essere originali nei gusti e nelle scelte! Ma è qui che nasce la resistenza. In bocca al lupo e viva lo zaino di Spiderman!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. l'importante è che l'originalità non diventi un dovere. Comunque viva lo zaino di spiderman anche per me

      Elimina
  8. Ho letto il tuo post a mio figlio di 7 anni.
    Il suo commento è stato "ognuno è libero di scegliere quello che più gli piace...".
    Però; però, lui non avrebbe scelto lo zaino delle Winx, magari un accessorio, una cosa più piccola.
    "Altrimenti mi prendono in giro".
    Da poco ha rinunciato all'uso degli anelli poichè bambini più grandi gli hanno fatto notare che sono da femmina.
    Nonostante tutto mi sembra che per certi versi le gabbie maschili siano ancora più potenti e invasive.
    M.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. scusa se mi permetto, ma se tuo fglio vuole mettersi gli anelli, deve poterli mettere e se lo prendono in giro risponde "gli anelli son pure da maschio perchè li porto io"

      Elimina
  9. E' vero Paolo, ne abbiamo parlato, come sempre abbiamo colto le similitudini con gli adulti, gli uomini spesso portano anelli. Ritengo che le forzature sono dannose, è un qualcosa che deve nascere spontaneo. In fondo passa otto ore a scuola e solo lui sa come passarle al meglio. In estate ad es. li ha portati quasi sempre.
    M.

    RispondiElimina
  10. Ciao
    sono Monica ho un bambino di 3 anni ed una bimba di 1 anno compiuto oggi. Stamani uscendo dalla scuola dell'infanzia con mio figlio una bimba si mette a rimbrottargli che il suo ombrello è ...strano poi aggiunge "da femmina", ma come, gli dice "è l'ombrello di Trilly", o qualcosa del genere. Io intervengo subito dicendo perchè mai dovrebbe essere un ombrello da femmina e spiego alla bambina che a lui il rosa piace molto come colore. Giacomo, mio figlio, conferma che i suoi colori preferiti sono il bianco ed il rosa e finisce lì. La mamma di questa bambina interviene dicendole di farsi gli affari suoi che non sta scritto da nessuna parte che gli ombrelli rosa son da femmine!Eppure la bimba lo pensa. questo per dirti che mi piace tantissimo l'idea dello zaino di spiderman e spero che sse a mio figlio piacerà quello di cenerentola nessuno lo prenderà in giro. Ma ne dubito!Comunque il consiglio di parlare in classe di questioni di genere è interessante, ma forse una lezioncina non basta a far cambiare la società. In bocca al lupo Monica

    RispondiElimina