giovedì 24 maggio 2012

IO NON HO PAURA, ANCHE IN RETE

Vita da streghe aderisce - purtroppo solo moralmente perché non potrò essere fisicamente a Roma - alla manifestazione di Libera IO NON HO PAURA prevista per il 26 maggio a una settimana dall'attentato di Brindisi.

"C'è bisogno oggi più di ieri di creare un fronte sociale forte che combatta la violenza scellerata, di QUALUNQUE MATRICE sia, con la speranza, la solidarietà e la giustizia e ci aiuti a ricostruire una cultura radicata di legalità e democrazia" si legge nell'appello di Libera.

Prendendo spunto dallo slogan di questa manifestazione, IO NON HO PAURA oggi voglio dirlo forte anche qui, in Rete, dove clonazioni e attacchi verbali pare siano ormai divenuti all'ordine del giorno per chi si occupa di temi relativi alle donne, alla violenza di genere o prova a scardinare giorno dopo giorno gli stereotipi che ingabbiano la nostra mentalità già provata da una totale mancanza di educazione sessuale.

IO NON HO PAURA di apparire un'invasata, una moralista o una veterofemminista.

IO NON HO PAURA di schierarmi dalla parte di chi, per aver semplicemente usufruito di un diritto, secondo qualcuno brucerà all'inferno.

IO NON HO PAURA di denunciare che l'Italia è un Paese sessista.

A proposito di mentalità, Lorella Zanardo proprio in questi giorni ha pubblicato un'analisi empirica e pur tuttavia molto dettagliata a cura di Lorenzo Gasparrini sui commenti degli uomini giunti in risposta al suo post per solo uomini. Il post, pubblicato sia su Il Corpo delle donne che su Il Fatto Quotidiano, voleva essere una sorta di appello agli uomini per parlare, per farsi carico del problema dell'emergenza stupri e violenza sessuale in Italia.

Ebbene, i risultati dell'esperimento sono stati piuttosto sconfortanti."Un uomo su tre non accetta di parlare di stupro perché lo vede un problema clinico di un individuo malato, che quindi non lo tocca, che non gli interessa - scrive Lorenzo - Inoltre, non sembra esserci nessun timore che un uomo possa passare da “normale” a “stupratore” per una qualche concausa esterna alla sua psiche. Non c’è autocritica, né si insinuano dubbi: lo dimostra anche l’uomo su due che non accetta né la generalizzazione della responsabilità maschile degli stupri, né la mancata condivisione di responsabilità con l’altro genere.

Sommando questi dati, quasi la metà degli uomini è pronta a rispondere che “normalmente gli uomini non stuprano”. Riunendo così in un’unica risposta menefreghista sia l’atteggiamento (il pregiudizio difensivo) che vuole lo stupratore malato e diverso sia la totale mancanza di comprensione per la dimensione sociale del reato di stupro, del suo pauroso valore di “esempio” per il resto dei cittadini, dell’opinione pubblica, insomma per tutti gli uomini e le donne".
 
Ecco, IO NON HO PAURA di affrontare anche questa mentalità che purtroppo non appartiene solo agli uomini ma è diffusa fra entrambe i sessi, non ho paura di comprenderla e di provare ogni giorno a superarla.
Perché non prendere tutte e tutti quest'occasione per dire che noi non abbiamo paura di esprimere quello in cui crediamo, anche qui?

2 commenti:

  1. io..... N O N ....... H O .... P A U R A ......
    TUTTO GIRA ATTORNO AD UN FAVORITISMO "SESSUALE" ... occorre toccare con mano le cose prioritarie della vita .. io ho un aneurisma .. devo subire intervento. ho una bambina piccola di solo nove anni. sono separata, non riesco a trovare lavoro. sinceramente della "SESSUALITà" ALTRUI ... non mi importa purchè l'omosessuale o la lesbica .. miei amici .. abbiano un dignità .. un amor proprio ... un rispetto verso tutti .. come in teoria dovremo fare noi esseri "normali" .. si dice sempre apprezzo chi parla in faccia .. BENE ... loro lo stanno URLANDO .. e lasciamoli VIVERE .. cristo!!!!!!!!!!!!! BRUCIAMO LE NOSTRE ENERGIE PER PROBLEMI PIù CONCRETI NON QUESTO CONTINUO CRITICARE .... c'è gente .. donne .. camminano a testa in giù e gambe all'aria sempre pronte .. a "tutto" pur disopravvivere mettendo in serio pericolo se stesse .. e rvinando la tranquillità altrui ... RIPETO .. NON HO PAURA .. di VIVERE IN MEZZO A LORO .. hanno una sensibilità fuori dal normale . .io la sto provando sulla mia pelle sono dovuta diventrare uomo e donna per me stessa e mia figlia .. questo equilibrio per "tutela" mi ha fatto respirare un pochetto .. IMMAGINO LORO CHE CI SONO DIVENTATI E LO HANNO SCOPERTO SOLO VIVENDO ..... !!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  2. Io non ho paura di parlare, di informare , di condividere speranze con le nuove generazioni, Io non ho paura di fare la volontaria in un centro antiviolenza, io non ho paura di oppormi ad ogni forma di violenza.

    RispondiElimina