lunedì 16 gennaio 2012

VICENDA OMSA: LA COOP NON ESCLUDE IL BOICOTTAGGIO

Il logo della campagna on line vs Omsa
Tutti/e certamente conoscerete la vicenda Omsa, nei confronti della quale è partita sul Web da tempo una campagna di boicottaggio a seguito della decisione dell'azienda di chiudere lo stabilimento di Faenza e spostare la produzione in Serbia licenziando in tal modo 350 operai, di cui 320 donne. Diverse le pagine e i gruppi Facebook dedicati come "Boicotta Omsa", "Mai piu' GOLDEN LADY e OMSA", "A PIEDI NUDI! IO NON COMPRO OMSA E GOLDEN LADY FINCHE' NON RIASSUMONO!".

"L’azienda Omsa è lo specchio della crisi nel nostro Paese, ma è anche un esempio concreto di quanto in Italia siano le donne a pagare doppiamente la depressione economica - si legge sul blog "Boicotta Omsa" - Il dilagare della precarietà riduce i diritti, e le donne sono maggiormente vittime essendo soprattutto loro ad essere contrattualizzate nelle forme più atipiche e instabili.
A questo si aggiunge il lavoro di cura domestico che pesa completamente sulle loro spalle, perché nel nostro Paese manca una rete di stato sociale vero e serio".

E' notizia di queste ore che anche Coop Adriatica non escluderebbe il boicottaggio dei prodotti. "Ma una grande catena come Coop Adriatica potrebbe addirittura decidere di non accettare più come fornitore chi decide di delocalizzare a discapito del territorio?" si legge nell'articolo pubblicato su Ravenna&Dintorni.it  «Sì – spiega il vicepresidente – a livello formale è possibile. Per i prodotti non alimentari gli accordi con i fornitori sono presi da coop Italia. Certo è una decisione politica che richiede di essere ponderata con cautela e mediata dalle Istituzioni locali, anche perché coinvolgerebbe non solo un supermercato, ma tutto il sistema coop».

Come finirà la vicenda? Potrà la Rete influire sulle scelte dell'impresa? Intanto dovrebbe essere stato registrato un servizio (credo anche già mandato in onda ma, non avendo visto la trasmissione, non ne sono sicura) da Striscia la notizia. Stiamo a vedere!

Nessun commento:

Posta un commento