lunedì 21 novembre 2011

FRA MINISTRE E STEREOTIPI DI GENERE

Vignetta by Val
In questi giorni mi sono imbattuta in episodi di giornalismo che oserei definire non propiamente edificante dal punto di vista degli stereotipi di genere nei confronti delle nuove/vecchie Ministre.
Uno di questi è un articolo de l'Unità, di cui hanno scritto sia Arguzia che Furiosa, il quale ci ricorda come la discontinuità del nuovo Governo dal precedente si identifichi, fra le altre cose, con l'uso del "tacco 3", caso mai ci fosse sfuggito.
E che dire della fotogallery di Libero "Ministre sexy o stagionate?" all'interno di un pezzo che per altro voleva essere contro gli stereotipi di genere?
Pure la Aspesi, su Repubblica, in un intelligente articolo, definisce le nuove ministre "pure nonne" (?).

Su questo tema, Lorella Zanardo pubblica sul suo blog un'immagine ricevuta in posta, che vorrebbe sottolineare le differenze fra le mature e competenti donne del nuovo governo e le giovani e avvenenenti del precedente, sottolinenando come il messaggio rischi di cementificare uno stereotipo di genere duro a morire: "La prima cosa che molti e molte deducono - scrive Lorella - è che le donne mature e anziane hanno profesionalità e spessore. Le giovani no."

Insomma, la ministra è brava se matura e vestita in modo sobrio, meglio ancora se nonna. Esattemente come chi tratta di antisessismo è una racchia, invidiosa di chi si può permettere di posare per i calendari sexy....Giusto?

#Crediamoci.

"Il giorno in cui le cronache smetteranno di occuparsi dei tacchi delle donne e parleranno solo del loro pensiero, avremo fatto un notevole passo avanti" (Loredana Lipperini in un suo recente post).

PS: Emanuela C. nei commenti al post di Lorella ci segnala il fantastico servizio di Porta a Porta sull'addio delle ministre uscenti, "fra ricordi e scataloni" come scrive Nonleggerlo, con tanto di musica strappalacrime in sottofondo. Imperdibile.

10 commenti:

  1. Bene, a proposito di stereotipi, ho scritto al corsera che aveva messo in HP una foto con una delle nuove ministre con tanto di didascalia che descriveva la sua collana di perle. Ho scritto che proprio loro, che fanno la 27 ora, poi scrivono cose del genere. Lo hanno pubblicato. E tutti zitti.

    RispondiElimina
  2. @Giulia Morris: è possibile reperire questa foto con didascalia? e dove ti hanno pubblicata?

    RispondiElimina
  3. Non lo trovo perché sono passati parecchi giorni. Comunque se non mi credete, non fa niente... Grazie comunque

    RispondiElimina
  4. @Giulia Morris: perché te la prendi? Io te lo chiedevo x diffonderlo!!!

    RispondiElimina
  5. ti mando un link del corsera con uno dei tanti commenti che scrivo...

    http://www.corriere.it/dilatua/Primo_Piano/Salute/Nutrizione/2011/11/18//correre-bere-troppo-lombardini_full.shtml

    RispondiElimina
  6. Cvd. Anche a questo mi riferivo nei miei commenti al post "ma non cambia niente?". No, non cambia niente, non basta il rovesciamento di un governo per cambiare. E'solo il passaggio da una gabbia all'altra. E gli esempi di cui sopra confermano che, come donne, abbiamo fatto un passo indietro: dallo stereotipo della bella senza cervello a quello della moralissima, rigorosa, irreprensibile donna tutta d'un pezzo. Il rigore, quante volte m'è capitato di sentirlo in giro questi giorni...quanto sarà salato il prezzo di questo rigore? E chi lo pagherà, se non le donne, dalle quali, in cambio di una seggiola da ministra, ora si pretendono una moralità (cattolica)e una irreprensibilità che non sono requisiti indispensabili per gli uomini?
    Antonella

    RispondiElimina
  7. Vorrei scusarmi con Voi per la mia irritazione odierna. Oggi avevo davvero una giornata "difficilissima" in tutti i sensi; evidentemente ero un po' fuori di testa. Ma me ne rendo conto, senza problemi. Sono certa che la verità sia essenziale nei rapporti. Scusatemi ancora Un saluto caro!!! Ci mancherebbe.... Sto brindando perché è andato tutto bene. E volevo farvelo sapere... VI VOGLIO BENE, SEMPRE!

    RispondiElimina
  8. @Giulia Morris: che carina che sei, cmq non c'era bisogno...Anche noi ti vogliamo bene!!! :)

    RispondiElimina
  9. In tutti gli ambiti, la presenza di una donna implica commenti sull'aspetto fisico, sui vestiti, sull'età. Lo fanno gli uomini, ma tantissimo anche le donne.
    Riuscissimo a smettere almeno noi...

    RispondiElimina