venerdì 28 ottobre 2011

LETTERA APERTA A SNOQ: IL COMITATO RISPONDE

Partita da Donne e Basta e altre realtà della Rete, giorni fa' era stata inviata una lettera aperta al Comitato Nazionale di SeNonOraQuando dove, in sostanza, si chiedeva la necessità del coinvolgimento di ogni realtà del movimento per partecipare all’elaborazione dell'agenda e delle iniziative conseguenti.

"Siamo convinte che si debba operare con una rete delle reti - si legge nella lettera - che riconosca nella piena autonomia di ciascuna componente pari dignità e potere decisionale".

E ancora: "Il Paese ha bisogno della voce, della presenza, delle idee , delle competenze e dell’energia delle donne e, perché questo sia possibile ed efficace, è necessaria una condivisione reale da parte di tutte le realtà femminili e non una semplice adesione che avrebbe solo un effetto effimero e dispersivo".

In molte/i, credo, attendevamo la risposta di SNOQ, anche a fronte dell'acceso dibattito scaturito dopo l'evento di Siena che aveva destato le perplessità e le critiche di molta parte della blogosfera. E la risposta è arrivata. Lo apprendo dal sito Donne Pensanti e la riporto integralmente come pubblicata da Francesca Sanzo, che l'ha poi corredata con le sue personali riflessioni, che vi invito a leggere:

Care amiche,
siamo davvero contente che l’iniziativa presa il 13 febbraio provochi richieste di incontro come la vostra, dopo aver dato impulso alla nascita di gruppi e associazioni femminili che si pongono o gli stessi obiettivi o obiettivi contigui ai nostri: uno di essi è portare le donne italiane al governo del Paese. 

L’iniziativa del Comitato Promotore il 13 febbraio ha colto e rappresentato aspettative, bisogni, anche frustrazioni di un “popolo”, stabilendo una relazione profonda tra le parole delle donne e la nazione italiana, parole come dignità, rispetto, amicizia, parole che univano invece che dividere faziosamente, come accade normalmente in Italia. In luglio, a Siena, abbiamo costituito Se Non Ora Quando come una rete plurale, che si impegna prioritariamente sui temi delle donne, e che è politicamente e culturalmente trasversale .

Se Non Ora Quando è quindi costituito da un Comitato Promotore e da una rete aperta di Comitati locali, che decidono insieme, e che entrano in relazione e si confrontano con altri gruppi di donne, che si pongano obiettivi contigui. Chi aderisce a Se Non Ora Quando è d’accordo sul fatto che vadano messi come prioritari nell’agenda politica del paese alcuni problemi di interesse generale che riguardano particolarmente la vita delle donne, ed è impegnata ad ottenere per questi problemi risultati a favore delle donne, soluzioni che favoriscano l’equità di genere.
Su queste priorità siamo d’accordo come gruppo trasversale di donne. Trasversalità vuol dire che noi pensiamo che su questi temi sono disposte a lavorare e a spendersi donne, e uomini amici delle donne, che appartengono trasversalmente a diverse parti politiche o a qualsiasi gruppo sociale. 

I tentativi di far passare la forza femminile che si è espressa il 13 febbraio per la maschera nuova di vecchi giochi politici si è scontrata e si scontra contro la nostra idea ben radicata di tenere assieme posizioni diverse, politiche culturali e religiose, perché solo così possiamo mirare in alto- fare dell’Italia un paese per donne- non solo difendere, tutelare noi stesse , ma aiutare il nostro paese a risalire la china. 

Trasversalità significa non avere quindi la pretesa di annullare differenze di opinioni e inclinazioni politiche e culturali presenti fra le donne. Anzi consideriamo importante che tali differenze entrino in relazione e trovino il modo di rispettarsi e lavorare insieme.
Non diciamo : noi vi rappresentiamo.
Diciamo anzi: venite con noi a rappresentare voi stesse con le vostre idee, opinioni, visioni del mondo.
Diciamo: uniamoci perché quel che ci unisce è più importante di quel che ci divide. Tutte –pur se diverse fra noi- potremmo condividere un sogno: vedere un Paese rinnovato dalla presenza a pieno titolo delle donne nel governo della società, della politica, dell’economia. Un Paese finalmente a misura di due e non di uno, perché l’umanità è fatta di donne e uomini. 

Possiamo fare con orgoglio questa proposta. Al contrario degli uomini abbiamo un pensiero che ci illumina: il pensiero della differenza. Un pensiero che impone che non sia più consentito occultare questa differenza primaria. Un pensiero da praticare al nostro interno senza occultare le differenze fra noi. Che anzi: vogliamo rappresentare quasi plasticamente come fu sul palco del 13 febbraio. 

Alle donne che vogliono incontrarci perciò, diciamo: ben volentieri. E’ utile e importante sempre. Ma con fermezza ribadiamo che intendiamo mantenere la priorità dei nostri temi e la nostra trasversalità politica. Vi saremo grate se darete alla nostra risposta la stessa diffusione che avete dato alla vostra lettera aperta: giacché la chiarezza è un bene comune di cui vogliamo godano tutte le donne impegnate per ridare dignità all’Italia.

Cordiali saluti
Comitato Promotore Se Non Ora Quando

Per quanto mi riguarda, riscontro in questa lettera, piena di cose condivisibili per carità, almeno un paio di perplessità: la prima è il fatto che io da questa risposta alla fine non ho capito se e come verranno coinvolte tutte le realtà di questo "movimento" nel processo decisionale, che poi mi sembrava la cosa più importante da sapere. Forse lo diranno nell' "incontro" menzionato, non so... La seconda perplessità riguarda l'affermazione in cui il comitato dice ok, incontriamoci ma con fermezza ribadiamo che intendiamo mantenere la priorità dei nostri temi e la nostra trasversalità politica. Il mio dubbio a questo punto è: ma da chi e in che modo viene stabilita la priorità di questi temi?

Lasciandovi con questi (e probabilmente altri) interrogativi, vi comunico che il Fem Blog Camp, nel mentre, è partito! Seguite la diretta dell'evento attraverso il liveblogging su twitter. Hashtag del weekend: #femblogcamp ;).

3 commenti:

  1. Ciao Giorgia,
    possiamo mettere tra i punti da portare avanti anche l'eliminazione del politichese?
    Io non ho seguito questo movimento nei dettagli perche' sono stata fuori dall'Italia per molto tempo, ma parlano di temi (e trasversalita' si' l'abbiamo capito ...), non si capisce poi quali sono questi temi che si propongono di portare avanti. boh...
    Complimenti per il blog.
    Happy Halloween a tutte le streghe!!!

    RispondiElimina
  2. http://www.ilfattoquotidiano.it/2011/10/30/indignata-colpita-dalle-manganellate-il-procuratore-il-poliziotto-venga-a-denunciarsi/167460/

    RispondiElimina
  3. http://www.ilfattoquotidiano.it/2011/10/31/processo-lea-garofalo-sciolse-la-moglie-nellacido-ora-lo-stato-gli-paga-lavvocato/167551/

    RispondiElimina