martedì 5 luglio 2011

A RONCIGLIONE NIENTE LOTTATRICI NEL FANGO E SEXY CAR WASH

Apprendo sul web, da varie notizie (per esempio qui e qui), che alla Notte Bianca di Ronciglione del 2-3 luglio, il "Sexi car wash" e le "bellissime ragazze" che avrebbero dovuto lottare nel fango (qui il programma che aveva suscitato molte proteste anche sul Web) a quanto pare sono stati eliminati dagli eventi.

La vicenda aveva provocato lo sdegno di più persone, soprattutto perché l'evento era patrocinato anche da molte Istituzioni che, si presume, dovrebbero essere le prime promotrici dello sviluppo di rapporti improntati al rispetto e alla parità, ragion per cui magari patrocinare iniziative incentrate sul ruolo della donna-oggetto sessuale poteva anche non essere esattamente una buona idea.

Credo che in questa storia abbia giocato un ruolo significativo il tam tam di una protesta che è andata oltre i confini locali. Anna Maghi, coordinatrice dell’associazione Erinna,contro la violenza sulle donne, avrebbe infatti dichiarato in questo articolo: "Noi pensavamo di trattare la questione solo dal punto di vista locale, invece il tam tam telematico ha suscitato un’adesione nazionale che ha costretto alla ritirata gli organizzatori".

E la vicenda della Ma-Vib nel frattempo come è andata a finire? Sempre on line leggo che l'azienda smentisce di aver fatto le affermazioni riportate dai giornali (e a quanto pare annuncia denunce) e di non aver alcuna volontà discriminatoria nei confronti delle dipendenti donne. Potete leggere la loro nota qui. Voi cosa ne pensate?

2 commenti:

  1. Penso che se le lavoratrici hanno indetto uno sciopero un motivo ci sarà... Loro lo sapranno che succede in fabbrica anche senza leggere i giornali...

    RispondiElimina
  2. Wow sono contenta che abbiano ritirato gli eventi...dobbiamo essere unite più che mai e contestare tutto ciò questa cultura che vede la donna ancora come un essere inferiore...ci sessero pù lavoro anzichè relegarci a lottare nel fango in modo sexy e volgare..
    Mary

    RispondiElimina