venerdì 24 giugno 2011

MISS LICEO: IL RESTO DEL CARLINO RISPONDE

Ecco il sequel della mailbombing a Il Resto del Carlino, che nei giorni scorsi aveva pubblicato un sondaggio on line sulla scelta di Miss Liceo 2011, dando rilevanza al concorso organizzato dai licei bolognesi e ignorando completamente le proteste al medesimo da parte di alcune studentesse. La redazione ci ha risposto pubblicamente, sebbene io non sia riuscita a trovare l'articolo di risposta direttamente dal sito del giornale e abbia dovuto cercarlo tramite google. Ecco la "corposa" argomentazione che hanno pubblicato in calce alla nostra lettera:

Da parte nostra non c'è stata alcuna intenzione di svilire il ruolo della donna, abbiamo dato visibilità a una serata tra ragazzi, partecipatissima, di divertimento. Non ci è sembrato nulla più di un gioco, per qualcuno criticabile e anche per questo abbiamo reso commentabile l'articolo, dando spazio a tutti i pareri. 

Per leggere l'articolo  ("Miss Liceo tra favorevoli e contrari") sul sito de Il Resto del Carlino, cliccate qui.

Le mie considerazioni:

- Come mai la risposta è stata pressoché introvabile?
- Se è vero che il sondaggio era commentabile, perché sono stati rimossi alcuni commenti negativi? E come mai questa risposta non si può commentare?
- Il titolo dell'articolo è probabilmente fuorviante: la nostra lettera non era tanto contro Miss Liceo tout court (anche se ne avremmo avuta più d'una ragione) ma contro la scelta editoriale di indire una votazione on line corredata da foto di minorenni
- Come è possibile liquidare in 4 righe e in un "nulla più di un gioco" le critiche che ponevano all'attenzione della redazione un argomento molto serio e complesso?

Cara redazione, che la vostra posizione non si sia mossa di una virgola era prevedibile ma che si fosse trattato di un gioco andatelo a dire a tutte quelle ragazze che vengono quotidianamente considerate solo in base al loro aspetto fisico, che soffrono di disturbi alimentari, che faticano ad emergere sul lavoro, a tutte quelle che hanno subìto molestie, alle vittime che hanno pagato con la violenza le conseguenze di una cultura pregna di una sessualità distorta e di uno squilibrato rapporto fra i generi.

Ditelo a loro, che vi è sembrato solo un gioco.

6 commenti:

  1. Mi sa che hanno chiesto consiglio ai responsabili comunicazione del PD romano.

    RispondiElimina
  2. Deludente come risposta! vedo che si sono sforzati tantissimo a replicarci :D
    Comunque sia sono contenta che almeno abbiamo creato il dibattito e abbiamo fdato visibilità alle nostre proteste.
    Mary di un altro genere di comunicazione

    RispondiElimina
  3. chi glielo spiega a questi che con il gioco si impara la vita? e poi come dici tu, Giorgia, non spiegano la scelta editoriale con tanto di voto...se quello era un gioco, a che gioco stanno giocando? al solito! consapevoli o inconsapevoli sono comunque colpevoli! vergogna!
    alessia dal bello

    RispondiElimina
  4. @Lorenzo è che i paragrafi di queste risposte sono standard: 1) lungi da noi svalutare il ruolo "della donna", sempre al singolare, uso che già di per sé è indice del retrotrra culturale del parlante, diffidate subito di chi dice "la donna" invece che "le donne"; 2) Scherzavamo, era una barzelletta, non capite l'ironia, tediose bacchettone femministe; 3) C'è ben altro di cui: indignarsi, preoccuparsi, occupersi etc. etc. Queste sono innocue bazzeccole. Vedi pure il post di Giovanna Cosenza con qualche paragrafo in più del mio http://giovannacosenza.wordpress.com/2011/06/24/il-vento-le-gambe-delle-donne-e-la-mancanza-di-ideei/

    RispondiElimina
  5. Capirai! Manco stessero facendo il referendum sul nucleare! Anche se non ci fosse stato nulla di male, direi che i sondaggi li potrebbero fare per cose più serie! E' un quotidiano nazionale importante, mica il Cioè!

    RispondiElimina
  6. Il Caimano:
    http://www.youtube.com/watch?v=QSejzCmhmn8

    RispondiElimina