martedì 10 maggio 2011

TROLL MASCHILISTI (E NON): UN SITO TEDESCO LI USA PER FARE SOLDI!

Clicca sull'immagine per ingrandirla
Tutti conoscono i troll. Soprattutto i blog femministi o che trattano di questioni di genere, sovente vittima di commenti da parte di personaggi più o meno aggressivi. Sul web tedesco però a quanto pare hanno trovato un modo per sfruttare la loro prolificità...Facendoci i soldi! Erika F, una lettrice di Vita da streghe, assunti i panni di corrispondente del blog da Berlino, ha scritto per noi un articolo su questa vicenda:

"L'idea nasce nel Gender Camp 2010, in una discussione sul problema dei commenti di uomini frustrati e aggressivi su blog femministi e sociali. La co-creatrice Leah Bretz ha dichiarato sul web "Quasi ogni blog che affronta la questione femminista si è trovato di fronte a certi commenti. E non sono innocui, non sono solo critiche o sfoghi, ma gran parte dei/lle blogger sono stati personalmente offesi o minacciati. Così abbiamo iniziato a seguire l'esempio statunitense, Monetizing the Hate: Hatr.org.

Hatr.org è una piattaforma dove vengono raccolti i commenti troll che vengono pubblicati ogni giorno sui blog. I commenti sono visibili sulla bacheca di Hatr, senza così interrompere e disturbare le discussioni sui blog.
I/le blogger possono inviare i commenti troll direttamente dal loro sito (dove vengono cancellati) ad Hatr.org e pubblicarli con il nickname usato dai troll.
Il numero dei messaggi è in crescita ogni giorno, al momento il Troll Counter ne segnala 277.

Ci sono diversi modi per postare i commenti direttamente dal blog su hatr.org. Per tutti coloro il cui blog appartiene a Wordpress (versione 2.9 o successiva), c’è un plugin per quella piattaforma. Per tutti i blog che sono ospitati da Blogspot.de, è stato creato un bookmarklet generale, dal momento che il bookmarklet indipendente è ancora in sviluppo.
Ovviamente, c'è anche la possibilità di inviare i commenti direttamente attraverso il sito.
Hatr.org è attualmente "closed beta". C’è bisogno di un codice di invito per entrare. Con questo codice si può creare un account e una password, che serviranno poi per mandare il contenuto plugin o bookmarklet ad hatr.org.

Con le pubblicità presenti sul sito e i gadget che vengono venduti, si sta riuscendo a raccogliere fondi che verranno usati per finanziare e sostenere iniziative interessanti come il Gender Camp 2011.
Sul sito è spiegato chiaramente: “Non vogliamo semplicemente ridicolizzare o scoraggiare i troll, ma farci soldi in modo cinico e calcolato".

Erika F.

3 commenti:

  1. favoloso
    “Non vogliamo semplicemente ridicolizzare o scoraggiare i troll, ma farci soldi in modo cinico e calcolato"
    semplicemente favoloso

    RispondiElimina
  2. Suggerirei di imitare l'iniziativa, che aspettiamo?

    RispondiElimina