lunedì 9 maggio 2011

SESSISMO E POLITICA: UNA SETTIMANA AVVILENTE

Che l'Italia fosse un Paese omofobo e sessista non è una novità. Che la politica si facesse sovente portavoce di questa mentalità anche. Ma che in pochi giorni siano giunte alle mie orecchie così tante notizie di episodi svilenti e di battute volgari e sessiste dal mondo della politica è piuttosto scioccante. Credo che abbiamo raggiunto dei livelli di bassezza di fronte ai quali è ormai impossibile restare in silenzio.

Riassumo in ordine cronologico (secondo come sono venuta a saperle) le notizie della settimana che più mi hanno avvilito, ma vi prego di segnalarmi quelle che mi sono persa. Per come la vedo io, il colpo d'occhio è abbastanza eloquente:

4 maggio: Manifesti elettorali sexy. Polemiche in Veneto (Da Leggo on line)

5 maggio: Alla Camera la classifica sul lato B. La Mussolini s'infuria con il pdl Mazzuca (da Repubblica.it)

5 maggio: Interrogazione parlamentare dell' Italia dei Valori in difesa di Striscia la notizia (da Il corpo delle donne)

7 maggio: La Russa: "le donne elette con noi mai brutte come quelle della sinistra" (da Repubblica.it)

7 maggio: La battuta "omofoba" di Grillo a Bologna: "At salut, buson! (gay, in dialetto ndr)" (virgolettato estratto da un articolo di Corriere.it)

Per chi ancora pensasse che sulla questione di genere in Italia il problema sia solo Berlusconi...Ne siete sicuri/e?


>>> Aggiornamenti del post con nuove segnalazioni di notizie:
11 maggio 2011: Fotomontaggio di Rosy Bindi. L'autore è candidato della Lega (da Repubblica.it )

20 commenti:

  1. Vorrei ricordare che oggi è l'anniversario della morte di Peppino Impastato al cui confronto, il contenuto del post appare ancora più avvilente.

    RispondiElimina
  2. Io invece stavo guardando divertita le foto degli Alpini a Torino fino a che mi sono imbattuta in questa:
    http://torino.repubblica.it/cronaca/2011/05/07/foto/la_festosa_invasione_delle_90mila_penne_nere-15933948/1/
    Deprecabile che un ragazzo, per di più giovane, indossi una cosa del genere, ma perché Repubblica ha pubblicato questa foto?

    RispondiElimina
  3. @bacche rosse: orrore!!! ma guarda non so come giudicare la scelta di repubblica di pubblicarla: forse è stato anche un bene che ci rendiamo conto della cosa, non l'avremmo mai saputa...gli alpini a questo punto dovrebbero prenderne le distanze (sogno).

    RispondiElimina
  4. Riguardo il senso dell'umorismo di La Russa e soprattutto in risposta ai tanti (troppi!) che continuano a dirci che dobbiamo "ignorare, perché sennò gli diamo troppa importanza":
    http://ritentasaraipiufortunato.splinder.com/post/24540694/non-voglio-ignorare

    RispondiElimina
  5. La foto dell'alpino è veramente stupida e deprecabile, ma che ci si può aspettare dai militari? oggi i soldati sono mercenari che si arruolano perché vogliono soldi facili,inoltre con le forze dell'ordine che torturano(x es. nel g8)e uccidono ragazzi(es. Aldrovandi,Cucchi ecc.)cosa ci si può aspettare? mi chiedo però in che modo si può protestare, in modo tale che un giornale si renda conto che pubblicare una foto simile è ignobile.
    Andrea

    RispondiElimina
  6. per quanto riguarda la politica ormai è diventata una cosa talmente squallida che sembra non ci sia mai limite al peggio!l'unico spiraglio di luce è il movimento 5 stelle!!
    Andrea

    RispondiElimina
  7. A me invece non è piaciuta una foto che poi è stata censurata su Facebook: quella del sì ai referendum sul nucleare, sull'acqua e sul processo breve. Si vede una donna che dice sì tre volte durante un amplesso. Su Il Fatto è stato detto che non era giusto censurarla.

    RispondiElimina
  8. Luciana Littizzetto col cappello d'alpino:
    http://www.leggonline.it/video.php?idv=9776&id_news=120511

    RispondiElimina
  9. Quello che ho fatto rilevare anche sulla pagina FB di questo blog è che siamo in campagna elettorale: queste dichiarazioni/immagini sono percepite come funzionali ad attirare voti, nonostante la manifestazione del 13 febbraio abbia messo sufficientemente in chiaro che il tema della dignità della donna è tornato sotto i riflettori. qui i casi sono a mio parere solo due: o i nostri politici non capiscono niente (probabile) oppure la manifestazione è stata percepita nella sua versione ridotta e semplificata come manifestazione contro Berlusconi e le arcorine. Nel secondo caso urgono altri segnali forti per far capire che siamo stufi del sistema non della singola persona (su cui ognuno può pensarla come vuole)!!!

    RispondiElimina
  10. http://affaritaliani.libero.it/sociale/stupro_correttivo_lesbica090511.html

    RispondiElimina
  11. Sì, Giorgia, il panorama è desolante. Per quanto riguarda il linguaggio dei politici, uno dei pochissimi linguaggi da cui non mi sento offesa, guarda caso, è proprio quello del Nicki Vendola che, nel resoconto del Corriere, viene ironizzato da Grillo. Il quale ultimo conferma, secondo me, la natura qualunquistica del suo movimento, al di là delle singole denunce che propone. A proposito, domenica pomeriggio ero a casa, ed ho ascoltato, per caso trasmesso da RaiNews, il comizio di Vendola a Milano: niente di cui viene accusato, niente parole difficili o costruzioni complicate, un registro lessicale e retorico perfettamente inquadrabile nella categora dei discorsi da comizio della tradizione dei partiti di sinistra del secolo XX, e anche XIX, con gli ovvi aggiornamenti del reperorio tematico e linguistico. Era alla portata di tutti, e mi è piaciuto molto.

    RispondiElimina
  12. Impastato EROE... Grazie come sempre per i contenuti.

    RispondiElimina
  13. Segnalo che, grazie alla vostra azione, sono stato censurato da Facebook per una mia iniziativa personale pro-referendum ("referendum giugno - campagna per l'italiano medio"), contro la pornografia culturale dilagante italiana. È un'iniziativa di cui vado fiero proprio in quanto "libera dagli stereotipi"e mi fa specie che proprio voi l'abbiate bollata di pornografia. La vostra attività - seria e meritevole - deve essere compresa bene da quanta più gente possibile, ed è bene che sia ripulita dai toni da crociata e da censure seriose, miopi e gratuite come quella di cui sono stato fatto oggetto. Per evitare spospetti di spam, evito di postare il mio blog con la "campagna" (che campagna non è) in questione.

    Mi firmo perchè odio chi non lo fa quando prende posizioni chiare e controverse. Gradirei che lo faceste anche voi quando postate sul mio blog. Gianluca Marino

    RispondiElimina
  14. scusi, cucu, ma di che parla? oltre a scrivere questo post non ho fatto altro...boh. mi illumini.

    RispondiElimina
  15. @giorgia_v non sarebbe la prima volta che faccio una figura di m**** in rete e piglio fischi per fiaschi. Tuttavia, prima di chiedere scusa a tutti e andarmi a nascondere, provo a spiegarmi meglio con 3 link. Questa persona: http://urlin.it/1e178 mi farà chiudere questa pagina: http://urlin.it/1e17a a causa di questa "campagna" pro referendum (ovviamente ironica): http://urlin.it/1e128
    Mi ero convinto che la censura partisse da voi. Se non è così, me ne vado rosso in viso per la vergogna ma decisamente sollevato. Grazie

    RispondiElimina
  16. A quando una nuova classe politica non più tutta maschile e vecchia come la nostra??
    Non se ne può più di questi vecchi bavosi machisti!

    RispondiElimina
  17. giorgia_v mi spiego meglio a costo di passare per molesto e con il rischio di essermi sbagliato. La signora http://urlin.it/1e180 ha segnalato a Facebook che questa pagina http://urlin.it/1e181 è pornografica o comunque lesiva dell'immagine della donna. La "campagna" (che campagna non è) in questione è sopravvissuta solo nel mio blog: http://urlin.it/1e128
    Preferisco avervi rivolto un'accusa infondata e aver fatto una tremenda figuraccia davanti a tutti. Se non è così infatti significa che comunichiamo su piani completamente differenti. Pronto a scusarmi per le accuse infondate, attendo una cortese risposta.

    PS. cucu e giangi sono sempre io

    RispondiElimina
  18. Io chiedo solo una verifica e un breve confronto sulla questione su cui sto insistendo. Sono certo che non me lo negherete. Resto in fiduciosa attesa di una risposta.
    Gianluca Marino

    RispondiElimina
  19. @Giangi: allora no, ti ribadisco che io questa campagna (la tua) è la prima volta che la vedo. Detto questo, ora che l'ho visto voglio essere molto sincera con te: non mi piace per niente!

    RispondiElimina
  20. Non ho la pretesa che questa campagna (che campagna non è) possa trovare il tuo consenso. È estrema, ne sono consapevole. Sono contento però che le vostre preziose energie siano indirizzate su cose più serie e reali (v. campagna VERA della Lega). Sollevato, mi scuso e ti saluto.

    PS. Ti segnalo un altro link di una tristissima campagna politica per l'italiano medio. Questa purtroppo è vera e non è mia (non è lo stesso "giangi" evidentemente): http://urlin.it/1e1fa

    RispondiElimina