martedì 15 marzo 2011

OCCHIO ALLO SPOT (CHE CI PIACE): UNA CAMPAGNA GAY FRIENDLY

A chi dice che la pubblicità si limita a fotografare l'esistente e con questo vorrebbe giustificarne la massiccia presenza di stereotipi, dedico questa nuova campagna di IKEA, esposta  su un cartellone per la recente apertura del nuovo negozio di Catania.
Non ho neanche bisogno di recensirla o di spiegare perché è virtuosa in tema di stereotipi. Parla da sola:


Occhio allo spot (che ci piace) è una rubrica dedicata ad esempi di pubblicità virtuose che non sfruttano stereotipi di genere per promuovere i propri prodotti o servizi. Senza entrare nel merito del giudizio sulle aziende committenti, la rubrica intende dare visibilità ad una creatività che non discrimina (soprattutto sessualmente) e che contribuisce alla costruzione di una mentalità paritaria.

4 commenti:

  1. bene, notiamo pure che si tratta di Ikea, e notiamo pure che, per ora, manca una coppia di donne: perché?

    RispondiElimina
  2. @paola: speriamo di arrivarci presto! non sai la fatica che faccio a trovare pubblicità virtuose...se le trovi, segnalamele!!

    RispondiElimina
  3. Ah, che bellezza!
    Questo post mi rende davvero molto felice.
    Non ho delle competenze sufficienti per valutare le qualità comunicative della pubblicità, ma mi sembra buona.
    @paola mi sono chiesto anch'io: e una coppia femminile? Ti dirò, però: se questa è la linea della casa IKEA, non credo che mancherà di formulare anche un quadro al femminile. Inoltre: mi sembra scontato dire che io sono per l'assoluta parità, anche di rappresentazione, ma amo anche che le cose, le realtà e le situazioni si miscelino. Il fatto che la pub presenti, per ora, due maschi, credo attribuisca un maggior senso di parità, di quotidianità, normalità:a volte, segnalare di essere gay friendly con i due prototipi di coppia gay e lesbica mi fa sentire una specie protetta!
    Duw uomini. Punto. Che ne pensi?

    RispondiElimina
  4. bella, bella :) ne parlerò anche sul mio blog.
    l'ikea è svedese e gender friendly, non è un caso :)
    Mary- un altro genere di comunicazione

    RispondiElimina