giovedì 10 febbraio 2011

POETRY ATTACK: LIBERATE L'INFANZIA


Liberate l'infanzia
da chi la confina in una maturità contraffatta
dove il corpo è recita, l'emozione corrotta.

Liberate l'infanzia da chi la deforma
per servirla agli sguardi affamati d'innocenza.

Liberate l'infanzia
prima che cresca e negli occhi sbiadisca
il seme residuo della nostra umanità.

(Giorgia Vezzoli)


Questa poesia rappresenta il manifesto della campagna Libera Infanzia promossa dal blog Un altro genere di comunicazione contro l'erotizzazione, l'adultizzazione e l'abuso delle/i bambine/i nella pubblicità e nei media. Per avere maggiori informazioni sulla campagna, cliccate qui.

> Scegli la tua poesia. Entra in Poetry Attack.

2 commenti:

  1. Anche a me in mezzo alla strada è stato proposto di far fare provini per pubblicità a mio figlio di UN ANNO ho inorridito e subito detto di no. Non si puo' sfruttare un figlio e rubargli l'infanzia per arricchirsi, è mostruoso e' un abuso di potere bello e buono.

    RispondiElimina