lunedì 31 gennaio 2011

PROTOCOLLO IAP-MINISTERO PARI OPPORTUNITA': ci scrive Barbara Spinelli

Riporto un commento (a firma di Barbara Spinelli) al nostro post "Carfagna e IAP contro pubblicità svilenti" nel quale ci viene fatto presente quanto segue:

"Care amiche, vi vorrei fare presente un elemento importante passato sottogamba: NEL 2005 IL COMITATO ONU PER L'ATTUAZIONE DELLA CEDAW (ndr: Convenzione per l'Eliminazione delle Discriminazioni Contro le Donne) RACCOMANDAVA ALLO STATO ITALIANO DI INTERVENIRE PER ELIMINARE GLI STEREOTIPI NELLA PUBBLICITA'. Il Governo italiano non è intervenuto. Nel 2010 ha inviato all'ONU il nuovo rapporto periodico. Un gruppo di donne che sta lavorando al Rapporto ombra della società civile ha denunciato all'Onu che (e cito)

"Lo Stato italiano non è stato in grado finora di affrontare il problema della rappresentazione sessista delle donne ampiamente diffusa in ogni forma di annuncio pubblicitario. I corpi nudi delle donne vengono utilizzati per vendere ogni tipo di prodotto. Non c’è alcun controllo preventivo per verificare se una pubblicità sia discriminatoria nei confronti delle donne: di conseguenza le pubblicità maschiliste e offensive restano esposte o vengono trasmesse a lungo. Sebbene sia possibile ricorrere all'istituto dell'autodisciplina pubblicitaria7, gli stereotipi sessisti non sono esplicitamente vietati da un’apposita norma del relativo codice di autodisciplina".

IL COMITATO CEDAW A SEGUITO DELLA NOSTRA SEGNALAZIONE HA CHIESTO AL GOVERNO (e cito) "The report does not mention the media which plays an important role in forming social attitudes and values and offers immense potential as an instrument of social change. Please provide details on how the State party encourages the media to safeguard human dignity and to project positive, balanced and diverse portrayals of women’s and men’s images and roles in all spheres of life, as recommended by the Committee in paragraph 26 of its previous concluding observations. Further to this, please explain whether self-regulatory measures, such as codes of conduct, that exclude the use of violent or degrading presentation of women and men and are based on the principle of gender equality, have been adopted and implemented in
advertising and media organizations."

GUARDA CASO, DOPO CHE NOI ABBIAMO SEGNALATO ALL'ONU LA SITUAZIONE ITALIANA E DOPO CHE L'ONU HA CHIESTO CHIARIMENTI AL GOVERNO, IN VISTA DELLA SESSIONE DI ESAME CHE CI SARA' A LUGLIO LA CARFAGNA HA SOTTOSCRITTO QUESTO PROTOCOLLO. TUTTI I DOCUMENTI CHE CITO SONO PUBBLICI, E LI TROVATE QUI: http://gdcedaw.blogspot.com/ .

Vi prego di segnalare questo particolare, perchè è importante. Solo denunciando l'inattività del Governo come violazione dei diritti umani si ottengono dei risultati effettivi. La pressione politica va esercitata internamente ma anche esternamente."

Barbara Spinelli

8 commenti:

  1. ora finalmente so perchè una che faceva i calendari si è mossa in questo senso! ho appena ricevuto dallo Iap che hanno preso in carico una mia segnalazione su un manifesto poi vi farò sapere come va a finire

    RispondiElimina
  2. Il governo non tutela nessuno (vedi operai di Mirafiori) figuriamoci l' immagine della donna che viene usata nella pubblicità. Abbiamo scambiato la libertà sessuale per mercificazione del nostro corpo e quindi siamo più sottomesse.Io sto attenta e denuncio.

    RispondiElimina
  3. Sì, penso che la denuncia a organi europei e internazionali sia ormai essenziale per muoversi in un paese che è democratico solo sulla carta.

    RispondiElimina
  4. Infatti la signora Carfagna non gode della mia stima e questo post me la fa calare ancora di più!
    http://www.ilfattoquotidiano.it/2011/01/26/la-carfagna-difende-b/88495/
    http://www.ilfattoquotidiano.it/2011/01/31/piu-ceffoni-contro-il-modello-arcore/89342/

    RispondiElimina
  5. Meno male che si può denunciare all'Europa e a tutta la comunità internazionale! in Italia ormai la democrazia è solo teorica!!!
    Vespertilla

    RispondiElimina
  6. http://www.youtube.com/watch?v=Uab5wkPGNlk

    RispondiElimina
  7. Mi sembra una prospettiva in cui dobbiamo cominciare a pensare e a muoverci abitualmente, quella degli organismi europei ed internazionali, che evidentemente funzionano nella pressione sugli stati. Bravissime le donne del gruppo del Rapporto ombra della società civile.

    RispondiElimina
  8. Che causa! Da brividi!
    http://www.video.mediaset.it/video/forum/cause_coniugi/207010/un-torbido-passato.html

    RispondiElimina