lunedì 24 gennaio 2011

Il libro bianco del progetto Sorelle d'Italia

Lunedi 17 gennaio a Milano si è tenuto il convegno organizzato da ELLE "Sorelle d'Italia 2011" presso l'Università Bocconi, che ha visto la partecipazione di relatrici decisamente di alto livello. Durante il convegno è stato presentato il libro bianco contenente le 15 proposte per migliorare la condizione delle donne d'Italia, che dovrebbero essere il risultato di un sondaggio realizzato da ELLE.
Qui trovate tutte e 15 le proposte (sono brevi, chiare e si leggono rapidamente).

A me interessa molto sapere cosa ne pensate voi, popolo di donne e di blogger della Rete attive su questi temi. Siete d'accordo sulle proposte? Se avete dei commenti su questa iniziativa, fatemeli conoscere! :)

4 commenti:

  1. Mi sembra una cosa stupenda, perchè le proposte sono serie, vere e tutte necessarie. Chi le ha scritte conosce bene le necessità femminili, ma anche le leggi italiane, compresa la str... sul quoziente famigliare, tanto sbandierato dalla maggioranza, ma anche dal cosiddetto Terzo Polo.
    Le sottoscrivo tutte, ma rimarranno un libro dei sogni.
    ELLE è uno strano mensile. Ha avuto questa bella idea, ma poi i contenuti della rivista (comprese le interviste alle donne nel Governo, e qui mi taccio!) stridono parecchio con queste aperture "femministe e democratiche".
    Un po' cerchiobottisti a ELLE? Vogliono occupare la nicchia delle donne progressiste e di sinistra che leggono i fashion magazine?
    Io lo sento il contrasto tra i loro proclami ed i loro contenuti.
    Ma tant'è... Tra "niente" e "piuttosto", meglio "piuttosto".

    RispondiElimina
  2. Io proporrei anche un aumento di stipendio! Non sono d'accordo sul punto 7: sembra quasi un modo per sottrarsi all'educazione dei figli.

    RispondiElimina
  3. sono d'accordo con le proposte pero al punto 13 aggiungerei corsi di autodifesa dai 10 anni in su in ogni quartiere e l' abolizione dei messaggi vari che esaltano l'immagine di una donna frivola che pensa solo allo shopping e all'estetica. inoltre concordo con il commento di Marika sul fatto che il giornale ELLE cerchi di dare un colpo al cerchio e uno alla botte;io abolirei anche tutti quei giornali femminili che sono decisamente diseducativi e servi dello stereotipo odierno della donna.
    Vespertilla

    RispondiElimina
  4. Ciao Giorgia
    Questi 15 articoli sono auspicabili per permettere una vita "normale" alle donne che lavorano o che lo vorrebbero fare. Sono delle proposte che un Paese Occidentele come il nostro dovrebbe aver introdotto da decenni, per alleggerire il carico di impegni che gravano sulle donne che lavorano. Perchè resta vero che la donna in Italia dopo l'orario di lavoro deve provvedere alle faccende domestiche, ai figli ed in generale a gran parte dei bisogni della famigli
    Angiolo

    RispondiElimina