lunedì 10 gennaio 2011

IL CALENDARIO DELLE VAGINE

Oliviero Toscani ha realizzato un calendario commerciale le cui immagini sono 12 inquadrature del pube femminile.
Non pubblicherò le foto né citerò l'azienda committente per cercare quantomeno di contenere l'effetto visibilità sicuramente cercato attraverso questa a mio avviso poco creativa operazione. Proverò semplicemente ad esprimerne una riflessione da un punto di vista artistico.

Innanzitutto io non ho proprio niente contro il nudo di donna, anzi. Credo sia una delle più potenti e meravigliose forme di comunicazione se usato, davvero, per scopi e con modalità artistiche. Tuttavia, sono disgustata dalla mercificazione del corpo delle donne (o di una sua parte) per fini commerciali, dove l'immagine non è volta ad una riflessione, un'ispirazione o una crescita profonda, come accade appunto nelle opere artistiche, ma a pubblicizzare un prodotto o un servizio attraverso lo smembramento di un essere umano, dove il corpo non mostra ma piuttosto annulla l'individuo.
Si può davvero parlare di arte quando un'opera è stata creata per incrementare la notorietà di una marca?


Il corpo delle donne, si sa, è sempre stato buono per pubblicizzare di tutto. Dai siliconi alle scarpe, dalle automobili ai pannelli solari, per cui mi domando come si possa definire anche solo creativo un progetto in cui si fa uso, ancora una volta, del corpo delle donne (o di una parte di esso) per attirare l'attenzione.

"Qui si mostra l'essenziale e non quello che si vede nei soliti volgari calendari delle pin up" ha asserito il Toscani. E' vero, non è volgare in sè la rappresentazione di una vagina, secondo me è volgare farlo per vendere.
In queste immagini, inoltre, il pelo, secondo Toscani, sarebbe “un disvelamento al contrario” dell'oggetto sessuale. Come se bastasse mostrare un pube non depilato per riprodurre quello che finalmente dovrebbe essere il "nascondimento dell'oggetto sessuale".

La rappresentazione della vagina può essere, sì, una forma d'arte, ma non credo in questo modo e non in questo contesto. Suggerisco a tal proposito due opere (secondo me artistiche per davvero) dove il pube diviene mezzo per stimolare una riflessione sul femminile: i famosi "monologhi della Vagina" e "Rumore 0", una video perfomance che ho visto di recente (decisamente d'urto e munita di pelo, tanto per restare in tema) sul misterioso mondo del suono vaginale. Magari voi avrete altri esempi artistici da proporre migliori dei miei. A me sono venuti in mente questi.

Molte donne si sono indignate ritenendo le immagini del calendario lesive della dignità femminile. Voi cosa ne pensate?

23 commenti:

  1. Io ne ho parlato qui: http://donneinritardo.blogspot.com/2011/01/una-bella-gnocca-sul-calendario.html
    Se Toscani avesse veramente voluto fare qualcosa di diverso dai "soliti volgari calendari delle pin up" avrebbe potuto scegliere dei soggetti maschili. Ma si sa, per vendere tira di più un pelo...
    Al di là dei discorsi della mercificazione del corpo femminile poi, resta sempre un vuoto inquietante di creatività e di professionalità. Quella vera. Quella che porta con sé un concetto importante, rivoluzionario. Ecco, non vedo rivoluzioni qui. Solo involuzioni.

    RispondiElimina
  2. Cara Giorgia,
    lo hai già detto tu quello che penso anch'io, quindi quoto:
    "..non è volgare in sè la rappresentazione di una vagina, secondo me è volgare farlo per vendere".
    Il corpo femminile è bellissimo, la sua mercificazone, invece, è orribile!

    RispondiElimina
  3. Avete già detto tutto, che aggiungere? Forse: "cchiù pilu ppe' tutti"?

    RispondiElimina
  4. Io trovo che in un momento come questo, soprattutto in Italia, dove tutto quello che riguarda le donne è al ribasso ( diversi stipendi a parità di lavoro, premi in natura per scambi equivoci, immagini pubblicitarie e televisive lesive della dignità delle donne, scarsissima rappresantanza politica femminile in parlamento e nelle istituzioni, quotidiano femminicidio..) bisognerebbe vedere segnali differenti e non sempre ambigui. Così difficile stabilire se arte o non arte , libertà di espressione o no. Le neopseudofemministe ( come una donna ci ha definito ieri in un post) corrono sempre il rischio di essere viste come isteriche integraliste ... vediamo immagini sessiste ovunque ...Diventa difficile giudicare: questa è una vagina artistica e questa no. Sono arcistufa ! Vorrei tanto vedere la donna rispettata come persona . Stiamo tornando indietro al contrario di tanti altri paesi... a volte penso che in certi paesi musulmani ci sia più parità ed emancipazione femminile del nostro. Sono molto triste . Toscani è un gran furbone. Ho anche la febbre scusate se sono stata poco chiara.

    RispondiElimina
  5. Ah, propongo una valida alternativa: http://vulvalovelovely.com/

    RispondiElimina
  6. Mi dispiace vedere che Oliviero Toscani sia arrivato ad avere la creatività a livelli così bassi. Credo proprio che voglia solo pubblicizarsi per andare in pensione con tanti soldini nelle tasche, cosa che farebbe bene a fare subito, visto il risultato di quest'ultimo lavoro.

    RispondiElimina
  7. qui non è il corpo delle donne ma una parte molto piccola dello stesso. la vedo una trovata che ha il solo fine di far parlare di se. è di cattivo gusto e non ha nessun altro messaggio se non quello di attirare l'attenzione. siamo buoni tutti così.

    RispondiElimina
  8. Toscani ama provocare. Personalmente sono contraria sempre e comunque ai corpi nudi: difficilmente guardandolo tutti direbbero: "Ma che bel nudo artistico!" . E' più facile sentire commenti volgari anche alla vista della più bella rappresentazione. Essendo esseri umani si proverebbe anche parecchia eccitazione (ci sarebbe da preoccuparsi del contrario). I tempi di Adamo ed Eva sono finiti, ormai. Interessante invece quando ha presentato gli effetti negativi dell'anoressia, con Isabelle Caro.

    RispondiElimina
  9. Ecco un'altro che non ha niente da dire e,in piena crisi artistica,cerca di vendere usando il corpo femminile! veramente squallido e triste da parte di Toscani usare in questo modo le parti intime di una donna solo per fare notizia e far parlare di sè!ci dovrebbe essere un limite a queste cose basta spersonalizzare la donna e mercificarla e far passare tutto questo sotto il nome di 'arte' quando di artistico non c'è proprio niente!
    Vespertilla

    RispondiElimina
  10. Ederlezi:
    http://www.youtube.com/watch?v=bStwaOGxy_Q&feature=related

    RispondiElimina
  11. Jiuse Williams11 gennaio 2011 01:28

    Ecco! c'era l'odor di bruciato che mi sembrava di sentire fin qua..dicevo io....Ha iniziato con quelle bellissime immagini di bambini e giovani appartenenti a tutte le razze per finire poi nel 2010, sotto questo regime di puttanieri, veline, escort a fare anche lui l'infame giocoliere sui nostri corpi !!!
    Scusatemi se dico che, anche le donne che si sono prestate, non meritano il mio rispetto!!

    RispondiElimina
  12. "Gli artisti possono oltrepassare i limiti per creare arte.
    Ma se il loro unico fine è quello di oltrepassare i limiti, allora ciò che ne viene fuori è solo brutta arte."

    Sue Sylvester- Glee

    Sofiaki

    RispondiElimina
  13. Personalmente Toscani non mi dice nulla. Ormai è passato alla semplice produzione seriale di oggetti scandalo per ipocriti, i quali in questo paese sono la maggiornanza più facoltosa - il suo pubblico preferito. Lo scandalo dell'arte è ben altra cosa; l'arte ha sempre deriso con ferocia le provocazioni per perbenisti come le sue. E' solo un pubblicitario che conosce bene i meccanismi sociali e comunicativi del suo mestiere e li usa senza scrupoli e senza pensare a nessuna conseguenza. Tutto, semplicemente, qui.

    RispondiElimina
  14. E se Toscani avesse fatto un bel calendario
    con 12 peni artistici? Ci saremmo scandalizzati ugualmente?

    RispondiElimina
  15. Mi è capitato di assistere recentemente ad un intervista a Toscani su la7, nella trasmissione di Piroso Niente di Personale...
    Ho un amico esperto in comunicazione che mi ha parlato di lui...
    Sommando i risultati delle due impressioni in mio possesso, quella personale e quella del mio amico, dico che Toscani (anche verificando le sue opere d'arte...) mi sembra veramente un gran pallonaro...
    Non sono un esperto nel campo della fotografia, ma Toscani mi è sempre parso un pallone gonfiato...
    L'idea di questo calendario è di una banalità, di una noia, di una povertà di espressione di senso, che care amate sorelle donne, io non mi preoccuperei più di tanto...
    Potete e dovete smontare questo spreco di poca materia grigia sottolineando la assoluta banalità di un idea del genere...
    Ma chi caspio vuole stupire Toscani con cose del genere?
    Bah, non a caso è roba da Pitti Immagine...
    Povera anche la mia città che da spazi a siffatti ciarlatani...

    RispondiElimina
  16. @"Anonimo": svegliati Anonimo, lo ha fatto. E io ho protestato per gli stessi esatti motivi.

    RispondiElimina
  17. e questo post..
    http://donne-e-basta.blogspot.com/2011/01/caledario-vaginale-commerciale.html
    cosa ne pensate??
    io sono d'accordissimo

    RispondiElimina
  18. Lucia Capparrucci11 gennaio 2011 17:28

    http://www.youtube.com/watch?v=lBjovzStkdc
    Questo video è fantastico e molto ironico (oltre che intelligente) lo consiglio perché "in tema".

    RispondiElimina
  19. Siamo arrivati al punto di dire Toscani è un pallonaro mi sta sul cazzo e per questo è sicuramente un coglione?? dai ma per favore alla faccia dell'obiettività, poi qualcuno ha anche avuto il coraggio di pubblicare "Rumore 0" come opera d'arte! cioè vorrei vedere se la troveresti arte se al posto di una vagina ci fosse un culo! sarebbe sicuramente giudicata una cosa volgare e priva di arte. e tra parentesi, Toscani ha sempre pubblicato nudità non è passato da pubblicare bambini e multietnia al farsi corrompere come qualche ignorante ha detto, le pubblicità con tutti i pubi maschili e femminili erano fatte da lui per benettone e sì la pubblicità può essere arte quando per un concetto si crea un'associazione mentale potente. in tutti questi infiniti post ognuno ripeteva quello detto dal post precedente come una specie di folla di pecore poi ognuno ha dato il suo giudizio sulla persona (Toscani) neanche fossimo a UOmini e Donne. Se fossero stati peni nessuno avrebbe fiatato invece erano vagine quindi tragedia. vogliamo la parità? allora piantiamola di lagnarci e di fare le finte intellettuali (linkando Rumore 0 ahahahaha ti prego) Non è un giochetto a chi alza più la voce coi media. poi non stupitevi se finiamo per essere viste come delle patetiche integraliste perchè almeno in questo post è esattamente quello che avete dimostrato di essere

    RispondiElimina
  20. la novità, in ambito pubblicitario-mediatico, sta nel fatto di spostare l'attenzione sul fatto in quanto tale (della vagina) e non sul contorno, dintorni, accenni ,ammiccamenti, pizzi,reggiseni talmente piccoli e molto più osceni, mutandine che fanno intuire una vagina rifatta-rasata-pornografica.Per non parlare dell'oscenita degli sguardi da una che lo ha appena preso in c...
    Beh, insomma un pube non ha nessuna colpa in fondo; tuttalpiù se è presentato nella sua forma "originaria" e normale.La provocazione è riuscita per via della stupidità con cui la gente si approccia solo perché non è il calendario Pirelli -e infatti non lo è- Toscani è un professionista e se una Toscani donna volesse fare un operazione simile alla rovescia lo faccia!.

    RispondiElimina
  21. il punto di novità mediatica pubblicitaria sta nel fatto che il pube viene presentato senza veli, ma veramente, che non si è mai visto neanche nella pornografia, (uno che cerca o che fa' pornografia non si accontenterebbe mai di un'immagine del genere)è vero, anche a me come uomo mi provocherebbe fastidio avere un calendario con un fallo per ogni mese...forse, però non per questo... è ovvio che è un operazione commerciale no? è scontato che chi posa per fare delle foto sia fisicamente fotogenico. Il soggetto deve essere fotogenico.
    Questa è mia personale opinione di oggi che navigando mi sono imbattuto in questo spazio, spero che la linea editoriale non sia tanto dura

    RispondiElimina
  22. Ancora ,ancora falli ancora vagine.
    Con tutti i problemi reali che devono essere affrontati nel mondo, concentrare l'attenzione e un cosi'tanto dispendio di energia su un calendario di vagine o falli è proprio un'estrema pochezza mentale, poveretti coloro che ne traggono profitto e si impegnano per creare arte dalle vagine; quale arte, quale fotografia artistica ma siate seri per favore.
    Quale livello di stupidita' può raggiungere
    l'umanità, veramente sorprendente.
    Ma mi domando ,dove siete? quale arte?......

    RispondiElimina
  23. ...su Oliviero non farci caso. Questa Italia e ancora piena di "santi inquisitori". Di benpensanti che non si scandalizzano nel vedere giornalmente, culi vestiti da ministri, vagine vestite da prelati, stronzoli vestiti da burocrati pubblici, falli vestiti da onorevoli, presidenti di province, sindaci, consiglieri, comunali e regionali. Io invece, insieme a milioni di Italiani,mi scandalizzo e mi indigno e vedere quelle "facce" la.

    RispondiElimina