giovedì 13 gennaio 2011

IAP: Stop alla pubblicità del calendario di Toscani

Breaking news. Ce l'abbiamo fatta, lo IAP ha bocciato la pubblicità del calendario delle vagine! Dall'agenzia ASCA:

"Il Comitato di controllo dello IAP, l'Istituto di autodisciplina pubblicitaria, ''ha emesso ingiunzione di desistenza dalla diffusione del messaggio pubblicitario 'Pelle conciata al vegetale in Toscana' relativo al calendario realizzato da Oliviero Toscani (quello delle vagine).

Il comitato dell'organo di controllo ha riscontrato la ''violazione degli articoli 1 - Lealta' della comunicazione commerciale - e 10 - Convinzioni morali, civili, religiose e dignita' della persona - del Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

''L'organo di controllo ha ritenuto tale comunicazione offensiva della dignita' della persona, in quanto il corpo femminile viene equiparato alla ''pelle conciata'', ovvero sia ad un prodotto che ad un animale, ovvero un animale ucciso, sezionato e trasformato in prodotto di lavorazione, rilevando pertanto il contrasto con l'art. 10 del Codice, secondo cui ''la comunicazione commerciale deve rispettare la dignita' della persona umana in tutte le sue forme ed espressioni'''.

Leggi tutto qui.

10 commenti:

  1. Sono contentissima! Ho scritto gia a due giornale riguardo questo assurdo calendario provocatorio. Il fotografo in questione, e un uomo senza un minimo di dignità, ne originalità.E in più, lui e ovviamente un uomo con uno scarsa stima, rispetto e amore per le donne. La solita banale volgarità da un altro cosidetto 'artista' non in grado di usare una creatività diverso, intelligente, interessante, ne originale. Sono persone incapace di utillizare un minimo di fantasia fuori la norme. Poveri noi! Grazie per tutto, Giorgia!
    Dol

    RispondiElimina
  2. giusto, ma perchè non si indigna nesssuna quando per le veline e per le donne oggetto (scegliete voi quale vista l'abbondanza) nella ns società?
    Robert

    RispondiElimina
  3. @Robert: chi ti dice che nessuno s'indigna? Forse non segui il ns lavoro o meglio quello de Il Corpo delle donne ;). Ad ogni modo sulle veline lo IAP non ha giurisdizione...

    RispondiElimina
  4. hai ragione riguardo al vs sito, ma in generale guardate sui media ed in rete che evidenza ha avuto,soprattutto conoscendo un pò la storia di Toscani, mi sembra eccessiva la reazione di molti, quasi "clericale" . E qesto rispetto ad altri fenomeni ben più "pesanti" che giornalmente e in modo più significativo vanno ad toccare la dignità femminile, non vi sembra?
    Robert

    RispondiElimina
  5. Sono molto contenta!

    RispondiElimina
  6. Robert,
    Ha ragione Giorgia. Ci sono state tante lettere scritte riguardo i veline, e non solo. Come hai detto tu, ce un abbondanza di scelta in questo paese, purtroppo ancora anni in dietro. Direi, peggio di prima.
    dol

    RispondiElimina
  7. sono proprio contenta!un'altra protesta andata a buon fine!!dobbiamo continuare così!grazie Giorgia!
    Vespertilla

    RispondiElimina
  8. Grazie!Continuiamo a combattere per la nostra dignità...Soprattutto cerchiamo di darci voce da sole perché questa società è degli uomini per gli uomini, se non ci muoviamo noi, non saranno di certo loro a "concederci" dignità e parità!Grazie per avere fatto partire l'iniziativa.
    Valentina

    RispondiElimina
  9. http://www.ilfattoquotidiano.it/2011/01/19/la-reclame-luso-distorto-del-corpo-delle-donne-negli-spot-a-partire-da-toscani/87236/

    RispondiElimina
  10. ovvio, il fatto lo avete criticato. io credo sia esagerato imbrigliare l'arte, proprio perchè era solo una vagina non è un essere usati. è un simbolo, poteva essere un calendario di braccia ma è ovvio che una serie di vagine sia un messaggio più forte. non confondiamo l'arte con la svendita del corpo delle donne. un pene non sarebbe stato un problema

    RispondiElimina