martedì 28 dicembre 2010

Natale in Sudafrica, un film "imperdibile"

Nell'attesa di una rubrica dedicata agli"Horror film", gustiamoci la recensione di un cinepanettone che sicuramente andrete tutt* a guardare (!) scritta da Massimo Faini, giovane artista bresciano appassionato di cinema:

"Versione corretta:

…Erano mesi che aspettavo con piacere l’avvento dei nuovi capolavori natalizi, ammirare i migliori sceneggiatori italiani comporre storie mai volgari, ammirare i migliori registi italiani tessere trame mai banali e ammirare i migliori attori italiani vestire i panni di personaggi mai scontati.

Ho visto con immensa gioia “Natale in Sudafrica” un film appagante, corposo e ben articolato, costellato di recitazioni degne dei grandi attori del passato, non a caso un De Sica compare nei titoli di testa con un’interpretazione mai così intensa. Non solo bella Belén Rodriguez, la sua impeccabile recitazione distoglie l’attenzione dalle sue generose forme anche nelle scene più sensuali. Insomma: un film imperdibile.

Versione originale:

…Erano mesi che temevo inorridito l’avvento degli ennesimi cine-panettoni natalizi, sopportare i peggiori sceneggiatori italiani vomitare storie insulse, sopportare i peggiori registi italiani rigurgitare trame disgustose e sopportare i peggiori attori italiani svestire i panni di personaggi volgari.

Non ho visto “Natale in Sudafrica” né nessun suo predecessore, ma posso comunque recensirlo con un margine d’errore pari a zero. Il film ha una trama banale, una regia scontata e un’interpretazione infantile. De Sica farà il romanaccio fracassone e sboccato circondato da belle “attrici”. Belén Rodriguez sarà per la maggior parte del film mezza nuda e le inquadrature indugeranno con notevole insistenza sulle sue forme manipolate dalla chirurgia plastica. Insomma: un film deplorevole."

(Massimo Faini)

Qui la versione originale dell'articolo.

9 commenti:

  1. Tra un po' finiranno le locations per i "Natale a...", purtroppo se fanno tanti incassi vuol dire che di beceri rincretiniti che li vanno a vedere ce ne sono. Fanno bene a tagliare i fondi allo spettacolo, se devono finire per finanziare certe boiate.

    RispondiElimina
  2. Fanno bene a tagliare i fondi allo spettacolo, se servono a finanziare certe boiae come "Natale a..."

    RispondiElimina
  3. ah ah e vedrai che lo vedremo passare in promozione nel salotto tanto "correct" di Fazio su RAI 3 (se non è già passato?) accompagnato da una funambolica presentazione che dovrà farne digerire la presenza chi si aspetta un minimo di decenza mentale almeno in quella sede

    RispondiElimina
  4. Povera Italia. Povere noi.
    E Belen nonostante la sua pessima immagine continua imperterrita ad apparire in ogni canale della ormai perduta televisione italiana.

    RispondiElimina
  5. Infatti non guardo mai i cinepanettoni, è scontato che siano orrendi e volgari. Quando c'è De Sica c'è da aspettarselo; non assomiglia di certo a suo padre!

    RispondiElimina
  6. La vera comicità secondo Renzo Arbore:
    http://www.affaritaliani.it/coffeebreak/arbore_ad_affari281210.html

    RispondiElimina
  7. Suo padre si rivolta nella tomba..non credo che se sarebbe tanto orgoglioso di suo figlio se fosse vivo.

    RispondiElimina
  8. Si è tanto parlato, negli anni 80 dei film di Pierino, di quelli di Lino Banfi ecc. Erano etichettati come B-movie e su di loro è stato detto di tutto.... ma facevano ridere! Business is business e non sono certo i grandi autori o sceneggiatori che fanno risultati al botteghino (quelli di solito vengono apprezzati solo dopo la morte).I cinepanettoni faranno pure schifo ma fanno ridere la gente (Nanni Moretti no!)per cui vendono V.De Sica si rivolterà pure nella tomba ma non dimentichiamo che Lino Banfi è soprannominato il principe della risata.
    Piero

    RispondiElimina
  9. Lo visto ed è stato demenziale, cado dalle nubi di checco zalone invece merita.

    RispondiElimina