lunedì 6 dicembre 2010

Il Motor Show, le donne e le fotogallery

Andrea Vincenzini mi segnala un articolo del suo blog ("Motor Show o Body Show?"), nel quale si parla della famosa rassegna automobilistica dove la donna viene usata da sempre come contorno estetico, decorazione/oggetto sensuale con la funzione di attirare gli sguardi maschili.

"Quante persone andranno al Motor Show per conoscere i nuovi modelli di automobili e quanti invece ci andranno per avere sotto gli occhi – scusate la crudezza – un po’ di carne femminile, che accompagna come sempre queste manifestazioni? si chiede Andrea.

Ma c'è di peggio del Motor Show. C'è Repubblica.it che illustra le immagini del Motor Show. Ora, noi siamo ormai avvezzi al comportamento di questa testata on line, che con una mano sembrerebbe farsi paladina dei diritti delle donne e con l'altra pubblica on line delle fotogallery a dir poco discutibili (giusto qualche giorno addietro segnalavo questo "splendido" esempio di fotogallery sulle giocatrici del Lingerie Football, davvero utile ed interessante fra le notizie del giorno...).
Per quanto riguarda il Motor Show, in particolare, Andrea ci fa notare l'incredibile quantità di immagini dedicate alle modelle piuttosto che quelle aventi per oggetto le stesse automobili.

"Un evento come il Motor Show potrebbe essere l’occasione perfetta per pubblicare foto di nuovi modelli di auto presentate - scrive Andrea - molte delle quali sono dotate di tecnologie rispettose dell’ambiente e quindi assolutamente meritevoli di uno spazio sulla stampa nazionale.
Invece dobbiamo fare i conti con ben sei gallerie di modelle (di cui una dedicata esclusivamente alle loro scarpe!) e soltanto una (una!) dedicata alle automobili. Avete capito bene: cinque gallerie di modelle e una sola di automobili".


Ecco un esempio di fotogallery sul Motor Show di Repubblica.it. Di fianco alle immagini, trovate gli altri album.

12 commenti:

  1. Ricordo che contro l'ipocrisia dei media italiani che sfruttano il voyeurismo sui corpi delle donne è in atto una lettera aperta che chiunque può firmare e inviare alle redazioni: http://www.facebook.com/#!/event.php?eid=166649126690336

    RispondiElimina
  2. http://www.ilfattoquotidiano.it/2010/12/05/gran-bretagna-sessismo-abolito-per-legge/80425/

    RispondiElimina
  3. Ciao, ti segnali questo post sul tema donne e motori sul
    mio blog dauovaedalatte.wordpress.com

    RispondiElimina
  4. Un altro scempio che il capitalismo fa delle donne.....
    E' allucinante...Non si può fare qualcosa anche contro questi spettacoli svilenti?
    Mary

    RispondiElimina
  5. molte belle ragazze ci vanno perche' le pagano....svelato l'arcano...

    RispondiElimina
  6. Le ragazze presenti al motor show sono pagate per stare lì e sono contente di stare lì perché è sempre una vetrina in cui apparire. Quindi: perché non cominciare a sottolineare che sono le donne a dover rifiutare e boicottare questo ruolo da cornice inutile e insulsa? basta con questo vittimismo! tutte nel loro piccolo possono fare qualcosa, quindi è ora di rifiutare il modello di bella statuina e di darsi una mossa per proporsi come essere pensante capace di esprimere opinioni.
    Vespertilla

    RispondiElimina
  7. Certo, nel mentre che convinciamo tutte le donne a non fare le ragazze immagine, che facciamo?
    Perché, vedete, troveremo sempre persone disposte (vuoi per carattere, vuoi per cultura, vuoi purtroppo per condizioni economiche) a comportarsi come noi non faremmo, il punto è chi decide di approfittarne, chi decide di dare loro visibilità promuovendo un sistema che incentiva determinate scelte, il problema è chi le fa diventare dei modelli.
    Io non vado certo a limitare la libertà di una persona impedendole di fare determinate scelte personali, il problema qui è chi fa un uso sconsiderato e improprio del corpo femminile in un contesto in cui il corpo delle donne non c'entra nulla. Non sono le scelte personali di una donna il problema, ma un sistema che incoraggia e incrementa determinati ruoli. Spostare il problema sulla scelta delle donne significa non affrontare il vero problema.

    RispondiElimina
  8. Se le ragazze ci si mettono li in cambio di bei soldi che volete fare glielo volete vietare?
    Vogliamo fare una legge che vieta alle belle ragazze di usare il proprio corpo per fini d'immagine?
    Rispettate la liberta di ogni individuo.

    RispondiElimina
  9. Avete visto invece lo spot dove Julia Roberts è muta e subisce i soliti stereotipi maschilisti? Ha voluto un sacco di soldi!

    RispondiElimina
  10. @Mary
    basta non comprare quei giornali o quella cosa .
    @Vespertilla
    basta educare ile ragazze foin da piccoe . ad esempio nel liceo della mia città per un corso sulla non violenza ed educazine sociale , hanno proiettato il doc il corpo dele donne dela zanardo . Una ragazza ha detto : << che smetera di vedere programmi simili >>

    RispondiElimina
  11. francesca

    ma uali sarebbero gli stereotipi di quela pubblicità? io non ne ho visto . ho visto , ma ormai ci ho fatto l'abitudine , la donna usata per vendere e commercializzare un semplice caffè

    RispondiElimina
  12. Ulisse...io credo che bisogna educare ssopratutti gli uomini a non vedere le donne come oggetti....perchè sono gli uomini che ce le vedono tali..le donne hanno solo perso coscienza e hanno introiettato questi stereotipi percependosi anche loro come tali..ecco.
    Io credo che al prossimo motor show dovremmo andare in massa a protestare...tutte..che ne dite?

    RispondiElimina