martedì 2 novembre 2010

POETRY ATTACK: IL TEMPO CHE DOVRA' RENDERE CONTO











 
Parlo nel tempo dell'umanità corrotta,
dell'infanzia violata e dei corpi artefatti.

Parlo nel tempo di chi elemosina le briciole di una quotidiana certezza,
come fiere che si divorano per la stessa pietanza,
e tacciono
per non essere cacciate dalla mensa del padrone.

Parlo nel tempo della coscienza infetta,
ammorbata dai veleni, dai mercati,
dalla disinformazione,
che ha perduto la capacità di discernere e che non sa distinguere
gli occhi che mentono da quelli che implorano.

Parlo nel tempo degli ubriachi,
di chi si fa denudare dei propri diritti, che furono un tempo
pretesi e combattuti.

Parlo nel tempo di chi non porge rispetto e non conosce memoria,
dove ogni tragedia della Terra è un monito
che grida il dolore di chi non c'è più.

Parlo di un tempo che non a me dovrà rendere conto
ma ai figli schiavi della propria menzogna,
a quelli mancati delle sue prossime generazioni
e a quelli ammazzati dal proprio silenzio.

(Giorgia Vezzoli - Vita da streghe)

4 commenti:

  1. http://andreainforma.blogspot.com/2010/11/un-anno-fa-la-scomparsa-di-alda-merini.html

    RispondiElimina
  2. L'ultima strofa è molto toccante.

    RispondiElimina
  3. l'immagine del testo è tratta dal video della canzone "black hole sun" dei soundgarden.

    RispondiElimina
  4. che bella!!! Mi è venuta un'idea. Se per il documentario che sto realizzando, faresti una bella poesia da inserire alla fine?
    Così ti cito nel documentario :)
    Che ne dici?
    Mary (libera infanzia)

    RispondiElimina