giovedì 7 ottobre 2010

Quanto ancora?

Quanti corpi, quanto strazio ancora dovremo sopportare prima che l'Italia dichiari uno stato di emergenza per le donne?


"Ho violentato Sara dopo averla uccisa" - Leggi l'articolo del Corriere della Sera.


"La violenza maschile si nasconde soprattutto in famiglia" - Leggi il post di Femminismo a Sud.

7 commenti:

  1. e l'omertà dei familiari è concorso in omicidio, in casi come questo. La cugina sapeva, la mamma sospettava che anche sua sorella, la moglie dello schifoso mostro sapesse. Donne educate al silenzio, alla sottomissione, incapaci di sottrarsi ad una "legge naturale" (ovvero, maschile) che trova normale che un uomo allunghi le mani e faccia avances ad una parente, pure minore. Le donne qui sono vittime e anche colpevoli, lo stato d'emergenza va invocato ora, subito. Un appello però alle famiglie: se sapete, non tacete. Questo femminicidio poteva essere evitato.
    Luisa

    RispondiElimina
  2. Una barbarie frutto dell'ignoranza,del degrado di pensiero,del copevole silenzio tra e mura domestiche e fuori.Un'altra vittima della bestia più pericolosa perchè ha sembianze di agnello,quella che non ti aspetteresti e quindi doppiamente vile.a volte mi vergogno d'essere uomo

    RispondiElimina
  3. C'è da dire che anche paesi come la Norvegia, in cui la parità dei sessi è avanti di 20 anni rispetto a noi, il tasso di violenze familiari è comunque esorbitante. Probabilmente dipende da altri fattori.

    RispondiElimina
  4. http://bellaedannata.splinder.com/post/23416972/dedicato-a-sara

    RispondiElimina
  5. Chissà dove sta la verità? Secondo me aveva dei complici.
    http://andreainforma.blogspot.com/2010/10/lerrore-grave-della-sciarelli-e-lo.html

    RispondiElimina
  6. http://www.ilfattoquotidiano.it/2010/10/07/sarah-un-naturale-omicidio-in-famiglia/69581/

    RispondiElimina
  7. http://edicola.unionesarda.it/Corrente/Articolo.aspx?Data=20101008&Categ=14&Voce=2&IdArticolo=2507813

    RispondiElimina