giovedì 22 luglio 2010

Un manuale del consumo critico di genere?

Ieri su Facebook ho lanciato una proposta da discutere: secondo voi, si potrebbe creare una sorta di manuale del consumo critico di genere? Una specie di consigli/sconsigli per gli acquisti on line sulla base di come le aziende pubblicizzano i loro prodotti e servizi, se in maniera sessista ed offensiva nei confronti delle donne oppure innovativa e priva di stereotipi...Voi cosa ne pensate? Credete che sarebbe utile e/o fattibile?

L'idea non è affatto semplice ed è ancora tutta da verificare però credo sia interessante quantomeno scambiarci i nostri pareri per valutarla. Personalmente, ci sono tante domande che mi pongo:

- come verrebbero catalogate/giudicate le aziende? con quali criteri?
- chi decide? ognuno dice la sua opinione e compie la propria segnalazione? dovrebbe esserci un osservatorio?
- se si opta per un format di condivisione ed interattivo, quale sarebbe meglio adottare?
- si potrebbe incorrere nel rischio di diffamazione delle aziende sconsigliate?

Etc etc etc...
Che ne dite, avviamo una discussione qui fra i commenti?

9 commenti:

  1. L'idea è ottima,ma di non facile realizzazione..
    Si potrebbe classificare con semafori, ci sono vari aspetti da valutare: oltre alla presentazione pubblicitaria anche l'effettivo rispetto delle donne all'interno dell'azienda..tipo giallo se un aspetto è ok e l'altro così così, verde se entrambi sono adeguati, rosso quando entrambi mancanti.
    Ci vorrebbero delle "talpe" forse..poi chi viene a sapere fatti positivi e negativi li comunica in modo da fare un bilancio..un lavoro certo non breve.. :(
    Per il resto non saprei..spero di esser stata utile comunque.

    Saby

    RispondiElimina
  2. la proposta di Saby è interessante ma una prima scrematura va senz'altro fatta per la scelta del marketing! "non comprate questo prodotto perché la sua pubblicità è offensiva per le donne" può toccare davvero l'interesse dell'azienda che sfrutta in maniera sessista la fiugra femminile... e magari far loro cambiare qualcosa...

    RispondiElimina
  3. ne ho appena parlato con i miei amici su fb, certo formalizzare un "registro nero" non è facile ( non sono una giurista) ma intanto fare nomi e cognomi di aziende che usano questo tipo di pubblicità e farli circolare, come inizio non è male.
    Ho pubblicato questo post in attesa di consigli.
    ciao
    Lilli

    RispondiElimina
  4. grazie a tutti, vediamo cosa ne viene fuori. cmq sarebbe un progetto a lungo termine e non è detto che saremo noi a farlo ;)

    RispondiElimina
  5. certo che si potrebbe...wow che bell'idea!!!
    Mary- un altro genere di comunicazione

    RispondiElimina
  6. http://www.ccdu.org/eventi/384-bologna-manifestazione-sostegno-bambini-sottratti-ingiustamente

    RispondiElimina
  7. Spot dell' Ama con la Arcuri: polemiche a Roma
    http://www.leggo.it/articolo.php?id=74241

    RispondiElimina
  8. Nuovo spot con Belen:
    http://www.leggo.it/articolo.php?id=74313

    RispondiElimina
  9. Complimenti per il blog e per gli argomenti che vi sono trattati!!
    Vi leggo sempre...e vi ho pensato per un piccolo premio da ritirare sul mio blog!!
    Vi aspetto...

    RispondiElimina