mercoledì 28 aprile 2010

Occhio allo spot: il caso Digigraphica - Atto II

Ecco com'è andata a finire la vicenda sulla pubblicità svilente a San Remo di cui avevamo parlato nei giorni scorsi e dalla quale era partita un'azione di protesta in Rete guidata dal sito Donne Pensanti. Scrive Francesca:

"Grazie a un lettore, siamo venuti a sapere che la nostra protesta contro il messaggio svilente (associazione scritta e immagine) contenuto nella pubblicità affissa a San Remo è arrivata al Vice Sindaco Claudia Lolli. Alla denuncia delle nostre perplessità si era unito anche il Coordinamento Femminile della Provincia di Imperia che ringraziamo per l’interessamento e sostegno (vedi rassegna stampa in coda – San Remo News). Ecco la risposta PRATICA delle Istituzioni sanremesi:
il cartellone è stato smantellato ma SOLO perché abusivo
e non per il messaggio che contiene."

"La buona notizia VERA è che ho ricevuto una bellissima mail da un’agenzia di pubblicità – a testimonianza che la comunicazione si può fare in molti modi e senza per forza usare i soliti abusatissimi luoghi comuni sessuali"

Leggi tutto il post di Donne Pensanti con gli aggiornamenti della situazione qui.

Nessun commento:

Posta un commento