martedì 8 settembre 2009

Storie di donne: Teresa Strada

"Figlia di una casalinga e di un idraulico, si laurea in Lettere moderne iniziando ad insegnare dal 1969 in una scuola media di via Giolli, nel quartiere Bicocca, a Milano, in un ambiente difficile dove riesce però a farsi volere bene e a conquistare la fiducia degli alunni.

Nel 1971 incontra l'allora giovane studente di Medicina Gino Strada; lo sposa e otto anni dopo nasce Cecilia. La giovane professoressa continua ad insegnare, approdando alle medie superiori - licei e istituti tecnici - dove rimarrà fino alla pensione.

Nel 1994 con il marito medico di guerra fonda Emergency, l'associazione che cura le vittime della guerra, della povertà e delle mine antiuomo, costruendo e gestendo ospedali nel mondo e formando personale medico.

Teresa lavora con entusiasmo e passione alla guida di Emergency come presidente, diventandone l'anima e l'ispiatrice. Modello esemplare di pacifismo, conduce così progetti umanitari di cooperazione e sviluppo sanitari costruendo e avviando una serie di ospedali, tra cui il più clamoroso e importante è un centro cardiochirurgico di eccellenza in Sudan.

In quindici anni alla guida di Emergency, vede ridare speranze e un futuro migliore ad oltre 3 milioni di persone; combatte battaglie importanti, per i diritti umani e per la pace,come quella del 2002 (il cui slogan era Fuori l'Italia dalla guerra), rappresentando un punto riferimento per migliaia di persone.

Muore a Milano per un tumore [ndr: il 1° settembre scorso]. Alla cerimonia funebre di cinque giorni dopo, nell'arena civica di Milano, migliaia di persone hanno salutato la Tere; mentre decine di migliaia di messaggi di affetto arrivavano da tutto il mondo.

(Fonte: Wikipedia)

Ciao, Teresa.

2 commenti:

  1. Grazie Giorgia, un'altra parte del lavoro consiste proprio nel valorizzare le figure positive di donna, possibili modelli estranei al concetto (?) predominante di "femminilità".
    Continuiamo così.
    Laura Albano

    RispondiElimina
  2. Vorrei, a questo proposito, ricordare un'altra donna che, purtroppo, ci ha lasciato nelle settimane scorse, Fernanda Pivano.

    Angela

    RispondiElimina