venerdì 3 luglio 2009

Vita da Streghe on facebook!

Premetto che non è stata un'idea mia, ma di una nostra lettrice :) "Perchè non siete anche su facebook?" Giusto, perché no? E così Vita Da Streghe approda sul social network con il suo gruppo per aggiungere un altro modo di aggregare, informare, sensibilizzare e diffondere su tutto ciò che riguarda la discriminazione di genere.

Con mia sorpresa, a distanza di neanche 24 ore dalla sua creazione, gli scritti al gruppo di facebook sono già una quarantina e...Udite udite: sono soprattutto uomini! Cari maschietti, vi faccio i miei complimenti. :)

Tre mesi di vita e 50 iscritte alla newsletter. Diverse le segnalazioni di informazioni e di pubblicità offensive nei confronti delle donne. Questi i primi numeri del blog. E' il segno che c'era, c'è ancora molto bisogno di parlare, di aprire gli occhi, di educare su un tema ormai diventato tabù, che non si discute perché si ha paura di passare "per femministe" e "per vittime" da una parte o "per maschilisti" ed "omofobici" dall'altra.

Se ci guardiamo intorno, il nostro Paese, anziché progredire, sta compiendo terribili passi indietro sul tema delle discriminazioni di genere: donne oggetto e tv al limite della pornografia, mercificazione sessuale ovunque (soprattutto in politica!), odio crescente ed emarginazione nei confronti dei gay, che il nostro Paese pare proprio non voler riconoscere come esseri umani di pari diritti (abbiamo un bellissimo nuovo video della settimana in homepage che tratta proprio questo tema in modo ironico ma profondo) e molto altro...

Abbiamo bisogno di parlarne. Di affrontare serenamente la questione fra di noi visto che la tv e i talk show non ne parlano affatto e quasi mai nel modo giusto.

Grazie a tutti gli scritti del gruppo Vita Da Streghe su Facebbok e a tutti coloro che vorranno iscriversi: estendete pure l'invito ad amiche ed amici...Io non ho poi tutti questi contatti! :)

Grazie,
Giorgia

PS: Inoltro una richiesta d'aiuto ricevuta in una newsletter delle donne:

Ciao a tutte,
avrei bisogno di un'informazione, se qualcuna di voi ne sa qualcosa: ho una cugina che, purtroppo, dopo un aborto terapeutico (sulla cui gestione, qui a napoli, ci sarebbero da scrivere fiumi di parole e fare montagne di denunce, e prima o poi lo farò/faremo), ha avuto una reazione psicotico/depressiva, insomma, sta molto male. Vorrei sapere se esiste, in Italia, un centro o qualcuna esperta di queste sindromi, una psicologa/psichiatra che si occupi specificamente di casi come questo. Vi ringrazio molto per l'eventuale aiuto.

> rispondete pure usando la mia email <

Nessun commento:

Posta un commento